Assemblea dei soci della Pro loco Drapia

Si è svolta presso la sala parrocchiale di Caria l’assemblea  dei soci della Pro loco Drapia. Tre i punti fondamentali all’ordine del giorno: approvazione del bilancio preventivo; organizzazione attività periodo natalizio; programmazione attività 2012. L’assemblea ha avuto inizio con l’esposizione del bilancio da parte del presidente Antonio Furchì. 

La riunione della Pro loco

Il documento è stato approvato ma solo in parte, in quanto si attendono ricevute, testimonianze in maniera tale da dimostrare con certezza i dati esposti. E’ stata perciò richiesta dai soci al direttivo una maggiore trasparenza che, a loro detta,  fino ad ora è venuta a mancare. Il punto cardine del discorso è stato sicuramente la mancanza di collaborazione, una scarsa visibilità e la mancanza di fondi. Basti pensare al numero piuttosto esiguo del consiglio direttivo formato da: il presidente Antonio Furchì; la vice presidente Tania Ruffa; i consiglieri: Girolamo Pugliese, Domenico Aiello e Nicola Pugliese. Dei circa 27 soci, inoltre,  soltanto 14 hanno partecipato all’assemblea. Si è discusso anche della necessità di rendere partecipe la cittadinanza, far capire loro il senso della pro loco, non ancora recepito per la scarsa cultura diffusa nel nostro territorio, e di come valorizzare e tutelare le diverse risorse presenti nel territorio stesso. Si è percepito, per tali motivi, un vivo desiderio di rinascita, di cambiamenti, e la necessità di puntare su nuovi obiettivi e considerare la Pro loco non solo come un mezzo di organizzazione eventi, ma come un ente capace di mobilitarsi per la difesa dei cittadini, per la tutela e la valorizzazione del territorio, e per elargire un pizzico di cultura non presente nelle piccole realtà di paese. Si è deciso, perciò, di rinnovare quei posti meravigliosi presenti nel comune di Drapia, quali: il castello Galluppi, i meravigliosi affreschi delle grotte di San Leo, le tombe saracene, i vecchi mulini e tante altre splendide realtà che non tutti conoscono. Promuovere, quindi, il territorio all’interno e all’esterno del comune; creare delle mappature con le risorse presenti, e dimostrarsi più attivi nel territorio ancora dormiente. L’organizzazione degli eventi natalizi è stata infine posticipata in attesa di maggiori aggiornamenti sui fondi che il sodalizio avrà a disposizione.

Condividi l'articolo