Arrestati due topi d’appartamento

Avevano appena svaligiato una villetta disabitata di Ricadi

Traditi dalle bollette di luce ed acqua rinvenute tra la refurtiva

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Tropea hanno tratto in arresto in flagranza di reato due cittadini bulgari resisi responsabili di furto in abitazione.
Alle prime luci dell’alba i militari della Stazione Carabinieri di Spilinga, nel corso di un servizio perlustrativo di controllo del territorio, hanno tratto in arresti i due soggetti:
– PENYO Matev, 44enne bulgaro, domiciliato in Ricadi, frazione Brivadi, operaio;
– KRISTIAN Miloykov, 22enne bulgaro, domiciliato in Ricadi, frazione Brivadi, operaio,
poiché ritenuti responsabili di furto perpetrato nel corso della nottata all’interno di una abitazione estiva disabitata di proprietà di una signora tedesca.
Gli stessi, poco prima, venivano fermati in località “Masa” di Ricadi, frazione San Nicolò, in possesso del sotto elencato materiale costituito da mezzi di effrazione e refurtiva, verosimile provento di furto, mentre a piedi, alla vista dei militari, cercavano di dileguarsi nella campagna circostante:
• un trapano, pinza a pappagallo ed altri utensili vari;
• un binocolo di colore nero, con relativa custodia;
• un ricevitore satellitare;
• una stazione barometrica da muro;
• tre borse contenenti vari capi di abbigliamento, materiale elettronico , un paio di occiali da sole, un set da scrivania ed altri effetti personali;
• un sacchetto in plastica contenente ricevute di pagamento di vario tipo per forniture di elettricità e altro.
Le immediate indagini effettuate con l’ausilio del personale della ditta di fornitura della corrente elettrica e della ditta di fornitura di acqua potabile hanno consentito di individuare l’abitazione che, a seguito di sopralluogo, emergeva essere stata oggetto di furto perpetrato poche ora prima.
Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Vibo Valentia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Condividi l'articolo