A scuola di amore

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

A scuola di amore.

Ad una settimana dalla festa di San Valentino, in cui c’è stato largo spaccio di luoghi comuni sull’amore, farà bene presentare una lettera di Sant’Agostino che insegna all’uomo come amare la donna. Può sembrare strano che un santo possa scrivere certe “cose”, ma la verità del bene e dell’amore lo richiedono, soprattutto nell’attuale contesto di “amore consumistico”. –  Il Santo, che da giovane era stato legato sentimentalmente ad una donna, scrive allontanando equivoci dall’amore e invocandone la purezza. L’uomo è in grado di amare grazie all’Amore di cui Dio gli ha fatto dono. E un uomo che non avesse conosciuto l’Amore di Dio prima di farne esperienza umana, non sarebbe in grado di provarne appieno la gioia.

La lettera di Sant’Agostino.

Giovane amico, se ami questo è il miracolo della vita.
Entra nel sogno con occhi aperti e vivilo con amore fermo.
Il sogno non vissuto è una stella da lasciare in cielo.
Ama la tua donna senza chiedere altro all’infuori dell’eterna domanda che fa vivere di nostalgia i vecchi cuori.
Ma ricordati che più ti amerà e meno te lo saprà dire.
Guardala negli occhi affinché le dita si vincolino con il disperato desiderio di unirsi ancora; e le mani e gli occhi dicano le sicure promesse del vostro domani.
Ma ricorda ancora, che se i corpi si riflettono negli occhi, le anime si vedono nelle sventure.
Non sentirti umiliato nel riconoscere una sua qualità che non possiedi.
Non crederti superiore poiché solo la vita dirà la vostra diversa sventura.
Non imporre la tua volontà a parole, ma soltanto con l’esempio.
Questa sposa, tua compagna di quell’ignoto cammino che è la vita, amala e difendila, poiché domani ti potrà essere di rifugio.
E sii sincero giovane amico, se l’amore sarà forte ogni destino vi farà sorridere.
Amala come il sole che invochi al mattino. Rispettala come un fiore che aspetta la luce dell’amore.
Sii questo per lei, e poiché questo deve essere lei per te, ringraziate insieme Dio, che vi ha concesso la grazia più luminosa della vita!
                                                               ♦
“Parole ispirate, nonostante il Santo sia pienamente consapevole dei rischi correlati agli equivoci della possessività, del desiderio, della cupiditas, di tutto quanto sembra oro, insomma, ma non luccica” (da cristianità.it).
(fonte: it.aleteia.org/2017/02/16/).

Sant’Agostino ha scritto una splendida lettera che insegna all’uomo come amare la donna. Può sembrare strano che un santo possa scrivere certe “cose”, ma la verità del bene e dell’amore lo richiedono, soprattutto nell’attuale contesto di “amore consumistico”.
Condividi l'articolo