A servizio della salvezza

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

A servizio della salvezza.

247a-PapaONUNon siamo noi cristiani i padroni della salvezza, donataci da Cristo. Sia pure avendo responsabilità e modalità diverse in seno alla Chiesa, noi cristiani abbiamo solo il compito di favorire l’incontro di tutti con la persona di Cristo, con la nostra testimonianza, la nostra parola e le nostre opere.

Papa Francesco a Cuba e negli USA, con gli umili e con i potenti della terra, ma sempre a servizio della salvezza. 

Pertanto la consapevolezza della gratuità del dono di Cristo ci obbliga a valorizzare tutto ciò che, nel mondo, fa presagire e manifesta la sua presenza redentrice, perché Cristo, unico ad avere una risposta esauriente all’inquietudine presente nel cuore dell’uomo, può inviare lo Spirito Santo a illuminare il cuore di ogni persona.
Il nostro desiderio più profondo dovrebbe essere quello di Mosè, quando ha esclamato: “Fossero tutti profeti nel popolo di Dio e volesse il Signore dare loro il suo spirito!”.

Dal Vangelo di questa domenica
In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi. Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa».

La salvezza concreta delle persone e dell’ambiente, dove vive l’umanità, deve interessare fattivamente ogni uomo di buona volontà, al di là della religione, della razza e della cultura.

Papa Francesco
Papa Francesco a Cuba e negli USA, con gli umili e con i potenti della terra, ma sempre a servizio della salvezza.

Condividi l'articolo