A Tirana due concerti ricchi di contenuti artistici ed emotivi

Comunicato stampa

Fabio Conocchiella dirige al Teatro Nazionale dell’Opera e Balletto di Tirana

Fabio Conocchiella dirige al Teatro Nazionale dell’Opera e Balletto di Tirana
Fabio Conocchiella dirige al Teatro Nazionale dell’Opera e Balletto di Tirana
All’interno della Stagione di Opera, Balletto e Concerti 2013‐2014 del Teatro Nazionale di Tirana (TKOB) Fabio Conocchiella è stato invitato in qualità di direttore d’orchestra del Gala Operistico “Da Verdi a Mascagni” giorno 8 marzo c.a. replicato anche giorno 9 marzo.
Per l’occasione il M° Conocchiella ha diretto l’Orchestra Sinfonica e il Coro del Teatro Nazionale e un pregevole cast vocale composto dai soprani Eva Golemi, Irini Nikolla, Mariana Leka e Shpresa Beka, i mezzosoprani Vikena Kamenica e Manjola Konjari, il tenore Armaldo Kllogjeri, il baritono Ylber Gjini. Nomi, questi, che hanno calcato i palcoscenici di tutto il mondo e che hanno lasciato trasparire un’intesa notevole col direttore e con l’orchestra, frutto di un lavoro di squadra intenso e proficuo, i cui risultati sono stati due concerti ricchi di contenuti artistici ed emotivi.
Quasi 100 artisti sul palco per eseguire scene e cori da “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi e “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni, due dei più importanti compositori italiani dell’ottocento, che il Ministero della Cultura albanese e il Teatro hanno fortemente voluto venissero diretti dal giovane maestro italiano.
Per entrambe le recite il Teatro Nazionale, con una capienza di 2000 posti a sedere, ha visto il quasi tutto esaurito e il pubblico ha risposto con grande interesse e calore alla direzione del M° Conocchiella, le cui scelte musicali, improntate ad un suono moderno e tempi coerenti con l’azione scenica, sono state scevre da incrostazioni posticce “di tradizione” e facili “romanticismi” rendendo merito pienamente e in egual misura alla musica e all’azione. Questo importante riconoscimento per il suo debutto a Tirana ha già fatto preannunciare future produzioni affidate alla bacchetta del direttore calabrese, salutato con affetto prima di rientrare in Italia per lo svolgimento delle sue attività.

Condividi l'articolo