25 aprile 2017 - Sito indipendente dal 1994


Articolo letto
243 volte

Al via il Progetto ”Dea Musica”



L’incontro con la Musica ha aperto scenari favolosi

Le Lezioni/Concerto in tutti gli Indirizzi dell’Istituto Superiore di Tropea

Le Lezioni/Concerto ”Dea Musica” in tutti gli Indirizzi dell’Istituto Superiore di Tropea

Al via il Progetto ”Dea Musica”, Le Lezioni/Concerto in tutti gli Indirizzi dell’Istituto Superiore di Tropea.
Si è incominciato con i due Licei, con le Lezioni/Concerto realizzate nella giornata del 29 u.s, grazie alla collaborazione dell’Associazione Culturale “Tropea Musica” presieduta dall’avv. Ottavio Scrugli e diretta, sul piano artistico, dal prof. Antonio Laureana. Il Progetto, denominato Dea Musica, è nato nell’anno scolastico 2004/2005 e da allora non ha mai disatteso il tradizionale appuntamento con tutti gli Studenti e gli Operatori Scolastici dell’Istituto Superiore tropeano.
Le lezioni, nella stragrande maggioranza, si sono svolte nei locali dei vari Indirizzi di Studio ad eccezione di quelle che, richiedendo la presenza del pianoforte, hanno fatto capo in passato alla Chiesa della Michelizia e quest’anno all’altrettanto splendida location del Monastero di Santa Chiara.
“E’ stato il nostro Maestro, don Lorenzo Milani “dichiara la dirigente Lento “a insegnarci che la scuola deve essere divertente, proprio nel senso etimologico del termine di scantonare, fare cose diverse. Facendo cose alternative in questi anni abbiamo fatto innamorare i ragazzi della scuola. E’ bello scoprire in molti di loro la voglia di andare in quello che è diventato un luogo dell’anima dove ci si incontra, si discute, si parla di sé, si ascoltano gli altri si scopre la multiformità della cultura.
L’incontro con la Musica ha aperto scenari favolosi evidenziando, nella dimensione della bellezza, l’interdisciplinarità e la trasversalità del sapere. Scoprire collegamenti tra la musica e la letteratura, la storia, la filosofia, la matematica e qualsiasi altra disciplina è veramente affascinante e fruttuoso”.
Nella prima tornata del progetto ad esibirsi due giovani musicisti: Lucia Fiamingo, flautista, e Federico Limardo, sassofonista, entrambi preziosi frutti del Conservatorio Fausto Torrefranca di Vibo Valentia.
Due strumenti molto vicini al mondo dei giovani. Il Sax per la sua voce potente e di grande proiezione di suono, è tradizionalmente presente nelle formazioni Jazz fino al punto da divenirne il simbolo. Il flauto, invece, è lo strumento musicale più antico ed evoca culture remote, alimentando il gusto della loro scoperta. La combinazione dei due strumenti in una lezione concerto ha creato un’atmosfera intrigante che ha suscitato curiosità e interrogativi. Sia Lucia Fiamingo che Federico Limardo sono di Zungri, hanno vinto premi di rilievo ed hanno al loro attivo già tanti concerti. La loro lezione ha suscitato enorme interesse ed ha evidenziato la potenza della musica, quale fedele testimone dello spirito dei tempi e veicolo di avvicinamento ai valori alti dello spirito.

Il Dirigente scolasico
Prof.ssa Beatrice LENTO



Ti potrebbe interessare anche:

Commenti chiusi.