Anche a Tropea dal 24 al 29 luglio protagonista la sicurezza stradale

Importante iniziativa dell’associazione ANIA

Un Van della Fondazione ANIA e una pattuglia della stradale per sensibilizzare i cittadini, ma soprattutto i giovani, sulla sicurezza stradale

ANIAFormazione, sensibilizzazione e prevenzione. Sono questi gli ingredienti di #nonrischioperché, iniziativa organizzata dalla Fondazione ANIA in collaborazione con la Polizia di Stato, che da oggi e per oltre un mese coinvolgerà alcune tra le principali località turistiche italiane. Tra queste, dal 24 al 29 luglio anche Tropea sarà interessata dall’iniziativa. 
Ogni giorno, dalle 15 alle 21, un van della Fondazione ANIA sosterà in piazza Vittorio Veneto: personale della Fondazione darà la possibilità di partecipare ad un quiz sulla sicurezza stradale e di svolgere prove di guida sicura al simulatore. In contemporanea, sulle spiagge, la Fondazione ANIA proporrà ai bagnanti quiz sulla sicurezza stradale. Ai partecipanti, saranno consegnati gadget a tema, tra i quali etilometri monouso con informazioni sulla guida in stato di ebbrezza. Tutte le persone coinvolte nell’iniziativa verranno invitate a condividere un pensiero contro gli incidenti stradali usando, sui principali social network, l’hashtag #nonrischioperché.

L'incontro con la stampa del 22 luglio 2014 - foto Carmelitano
L’incontro con la stampa del 22 luglio 2014 – foto Carmelitano

Nella zona del van sarà presente anche una pattuglia della Polizia Stradale a disposizione dell’utenza. Sarà inoltre allestita e posizionata accanto al van della Fondazione ANIA la mostra fotografica “Altra Strada non c’è”, dedicata ai 66 anni di vita della Polizia Stradale.
 La Polizia Stradale intensificherà, infine, i controlli volti al contrasto del fenomeno della guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti nelle strade delle località coinvolte dall’iniziativa soprattutto nelle ore notturne. Obiettivo dell’iniziativa è quello di tenere alto l’interesse verso questo problema nonostante la mortalità a causa di incidenti sia diminuita.

Condividi l'articolo