Bicipellegrinaggio del 14 luglio in Dinami

Un appuntamento che giunge quest’anno alla sesta edizione

In onore di Maria S.S. della catena si è svolta la sesta edizione del pellegrinaggio in bicicletta

dinami0

dinami

dinami1

Domenica 14 luglio 2013, organizzato dal gruppo Kata club di Mileto, guidato da Catagnoti Saverio, si è svolta la sesta edizione del pellegrinaggio in bicicletta a Dinami in onore di Maria Santissima della Catena. Un appuntamento che giunge quest’anno alla sesta edizione e che ha visto la partecipazione di numerosi ciclisti pellegrini che con grande entusiasmo ogni anno accolgono l’invito degli amici di Mileto che con grande dedizione si adoperano per la buona riuscita della manifestazione. Un’esperienza che lascia un ricordo piacevole nella mente dei circa 60 amici ciclisti che in sella alle loro bici hanno percorso 80 km tutti insieme per raggiungere il Santuario di Maria Santissima della Catena in Dinami. Un pellegrinaggio che giunge quest’anno alla sesta edizione e che gli organizzatori hanno a cuore con particolare devozione tanto da rendere ogni km percorso un concentrato di emozioni e di amicizia che accomuna gli amanti delle due ruote che per l’occasione diventano i protagonisti assoluti di una fantastica giornata.
Si incontrano di buon mattino a Mileto e dopo la classica foto di rito tutti in sella alla volta di Dinami, la giornata promette bene, forse pare che sia arrivata la tanta attesa estate, un caldo sole ci fa compagnia fino a destinazione. Percorriamo la SS18 fino ad imboccare la scenografica Valle del Marepotamo che con i suoi colori e la sua natura rigogliosa ci cattura fino ad arrivare ai ruderi del vecchio convento di Soreto. Sito a circa 4 km dal centro abitato, Soreto, antico villaggio che fu distrutto dal terremoto del 1783, oggi restano in piedi le cosiddette “Mura di Soreto”. In questa area ci sono i resti dell’antico Monastero di S. Maria de Jesu realizzato nel secolo XV, dal frate agostiniano Beato Francesco da Zumpano (CS) di cui oggi è possibile ammirare le tre absidi laterali, un arco a tutto sesto in stile romanico-gotico, blocchi di pietra scolpita che componevano la volta ed il rosone raffigurante un liocorno con stemma baronale situati al centro della cupola dell’abside centrale sorretto da un insieme di archi a crociera. Di recente, ad opera di un pensionato di Dinami, aiutato da altri volenterosi amanti come lui della cultura, sono stati eseguiti degli scavi intorno ai resti di questo Convento portando alla luce reperti archeologici tra cui: capitelli, colonne, pietre scolpite e architravi.
Qui prima di iniziare i quattro Kilometri che ci separano dall’abitato di Dinami ci soffermiamo per un breve rinfresco e per la foto di rito davanti ai ruderi del vecchio convento, e poi tutti insieme ripartiamo alla volta del santuario.
Una ricorrenza che ogni anno fa giungere a Dinami molti pellegrini, una aria di festa che ci coinvolge, ad attenderci nel piazzale antistante il santuario il Parroco che impartisce a noi ciclisti la benedizione e con il quale ci soffermiamo per una preghiera a Maria Santissima della Catena. Dopo la preghiera e la foto di rito davanti il santuario e dopo un piccolo ristoro ci prepariamo per intraprendere la via del ritorno. Ed eccoci giunti al punto di partenza, Mileto, dove ad attenderci troviamo un graditissimo e ricchissimo buffet aperitivo ed un ricordo che gli amici di Mileto hanno cortesemente offerto a tutti i ciclisti pellegrini che insieme hanno condiviso una domenica di sport, di preghiera e di sana armonia. Assieme a noi, per la prima volta, si è aggregata  Daniela Chiarello di San Costantino, che in sella alla sua bici ha condiviso per 80 km il piacere di andare in bici assieme a tanti amici.

Condividi l'articolo