Briatico, ancora un black out

Corso Margherita ancora una volta senza energia elettrica. È successo per l’ennesima volta sabato scorso, tra le sette di mattina e le quattro e mezza del pomeriggio. Nove ore e mezza senza la corrente elettrica. E non è la prima volta che le circa cinquanta famiglie residenti sul corso principale della “città del mare” si trovano a dover fronteggiare questo disservizio. «È una vergogna – racconta seccatissimo un abitante della zona – perché il nostro quartiere subisce dei blackout elettrici ormai da parecchi anni». A sentire il racconto della gente, l’Enel sarebbe stata puntualmente avvisata di tale inconveniente, «che però – spiegano – non vuole risolvere per i costi di ammodernamento e così periodicamente restiamo senza un servizio primario».
Inizialmente i guasti venivano riparati in poche ore, ma oggi, con una linea sempre più vecchia e con l’accresciuta difficoltà di individuare la dispersione, le riparazioni richiedono molte ore.
Gli abitanti ricordano con timore la penultima interruzione, durata più giorni, e si chiedono quand’è che l’Enel «provvederà a sostituire i cavi obsoleti e posati con tecniche non moderne?». Ma c’è chi, invece di combattere quella che sembra una battaglia contro i mulini a vento, si rivolge direttamente ai propri rappresentanti politici in attesa che sia «l’Amministrazione Comunale e il Prefetto ad intervenire presso l’ente per obbligarlo ad ammodernare questo chilometro di rete che serve, tra l’altro, la casa comunale, un forno, una serie di negozi e l’unico distributore di benzina del capoluogo». Insomma, non solo niente Tv o radio, frigoriferi zeppi di roba da buttar via ed il timore, lungo tutte queste ore, che l’inconveniente possa protrarsi ancora più a lungo facendo rimanere le abitazioni al buio, ma anche un municipio paralizzato in alcune sue funzioni, molti lavoratori a dover far i conti con perdite impreviste, professionisti che hanno necessità di utilizzare dei computer per lo svolgimento della loro professione e addirittura il rischio che la gente delle frazioni scesa a fare rifornimento resti a “secco” col carburante.
Quello che più colpisce, però, è che tutti, prima di pensare ai propri interessi, ricordano che in parecchie abitazioni vivono persone anziane non autosufficienti, alcune delle quali impiegano addirittura macchine elettriche per le terapie. «Certo è – ci congeda con rammarico uno scontento utente dell’Enel – che non pare possibile che nel 2008 ai cittadini non vengano garantiti i loro diritti più elementari. Ma intanto che si può fare, restiamo in attesa del prossimo blackout per indignarci ancora una volta?».

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta

Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.