Tropea, racconti di Natale adattati dal coro

Dopo le applauditissime esibizioni estive, che hanno entusiasmato il folto pubblico accorso nel teatro all’aperto del porto turistico di Tropea, il Coro Polifonico don Giosuè Macrì ha proposto per la prima volta il suo nuovo repertorio natalizio agli abitanti della cittadina tirrenica. Il 28 dicembre si è tenuto infatti un concerto di brani appartenenti alla tradizione natalizia nella Chiesa dell’Annunziata.
Le performance canore del coro sono state particolarmente suggestive anche perché hanno assunto l’insolita veste di racconto in musica del Natale e degli eventi che hanno preceduto la nascita.
Sono stati infatti raccontati l’annuncio dell’Arcangelo Gabriele a Maria, rappresentato con
le note del famoso brano Gabriel’s Oboe del maestro Ennio Morricone, seguito dal sì fiducioso ed incondizionato della vergine Maria, celebrato con l’esecuzione del Magnificat di Monsignor Marco Frisina, Maestro del Coro della Diocesi di Roma.
L’esibizione del coro è poi continuata con la lettura dei passi evangelici più significativi, che hanno rievocato il miracolo dell’avvento del Redentore, e con l’esecuzione di vari pezzi, i più tradizionali tra i brani natalizi italiani e stranieri. Il tutto è stato sempre fatto nel più solenne rispetto dell’atmosfera evocata dal luogo sacro che ha ospitato il concerto.
«Il Coro – precisa un comunicato ufficiale dell’associazione – ha voluto festeggiare la Nascita di Gesù bambino anche in dialetto calabrese eseguendo un nuovo brano, composto per l’occasione dal Maestro Laganà». Il brano, intitolato “Nescìu u Bambineu”, ha tra l’altro dato il titolo all’intero concerto natalizio. Nelle intenzioni del riconfermato presidente Paolo Ceraso e di tutti i componenti del polifonico spicca comunque la volontà di continuare a migliorare. Così, dopo la nuova direzione artistica del Maestro Vincenzo Laganà, che ha riportato freschezza ed entusiasmo nel coro, oltre che una dose massiccia di professionalità ed esperienza, e dopo l’arrivo di validi musicisti professionisti che accompagnano le voci del coro, il polifonico don Giosuè Macrì si pone adesso come nuova missione quella di coinvolgere quanta più gente possibile nelle proprie attività, ampliando quindi il gruppo di coristi.
«Chi si volesse lasciarsi contagiare da tanto entusiasmo – prosegue il comunicato – sappia che le porte del Coro sono aperte a tutti e non si richiede alcuna particolare esperienza musicale, solo passione e buona volontà».

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta

Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.