Caria in festa per la Madonna del Carmelo

La devozione della Vergine del Carmelo a Caria la si deve a Giuseppe Pugliese

A conclusione dei festeggiamenti, il concerto della cantante Mietta e i fuochi pirotecnici

Madonna del Carmelo Venerata a Caria  - foto Fusca
Madonna del Carmelo Venerata a Caria – foto Fusca

Entra nel vivo dei festeggiamenti, la comunità di Caria, in onore della Madonna del Carmelo, solennemente celebrata il 14,15,16 del mese di Luglio. Domenica scorsa vi è stata la così detta “calata da Madonna du Carminu”. Si tratta nello specifico, di una processione con la sacra effige della Madonna del Carmelo, che viene così condotta dal luogo di culto che porta il suo nome alla chiesa parrocchiale, dove dal 7 luglio, si celebra la sacra novena.
Gli anziani del luogo attribuiscono una grande importanza a questa giornata, poiché associano la discesa della Madonna alla figura di una mamma che va incontro ai suoi figli. La diffusione della devozione della Vergine del Carmelo a Caria la si deve a Giuseppe Pugliese e a quello che ai posteri è stato tramandato come il “miracolo della tempesta”.
Nel 1894, la nave su cui stava viaggiando il Pugliese, di ritorno dalle America dove era andato in cerca di lavoro, fu sorpresa da una spaventosa tempesta e corse il pericolo di affondare. Pugliese, assieme ad altri paesani, si raccomandò alla Madonna del Carmelo promettendo che avrebbe eretto un’edicola in suo onore se, scampato dal naufragio, fosse arrivato a Caria. Ottenne la grazia e giunto sano e salvo, non solo adempì il voto, ma si prodigò anche per estendere il culto. Un apposito comitato da circa un mese si prodiga per organizzare al meglio l’amata festa del paese, la festa della “Madre celeste”, onore e vanto della comunità. Il comitato è composto da: don Antonio Gennaro, Gerolamo Naso, Francesco Rombolà, Gennaro Sposaro, Franco Pugliese, Antonio Staropoli, Francesco Pugliese, Isabella Loiacono, Maria Carmen Rombolà, Mimma Staropoli, Domenica Staropoli, Domenica Molino. La novità di quest’anno è la celebrazione di una santa messa per tutti i cari defunti presso il cimitero, nella mattinata del 14 luglio. Stilato anche il programma civile per tale ricorrenza. La sera del 14, vi saranno dei giochi popolari per bimbi e adulti. La vigilia della festa vi sarà il tradizionale ballo dei giganti e nella serata uno spettacolo coreografico curato dalle ragazze di Caria allieterà la giornata. A conclusione dei festeggiamenti, il concerto della cantante Mietta e i fuochi pirotecnici che decreteranno la fine dell’amata festa della comunità cariese.
Annalisa Fusca

Condividi l'articolo