Caria: passione per il teatro

Una storia d’amore

L’amore per il teatro è presente nella comunità cariese da oltre 70 anni

Romana Naso, presidente dell’associazione -  foto Fusca
Romana Naso, presidente dell’associazione – foto Fusca

Una storia di amore per la propria terra, passione per il teatro, per la valorizzazione e diffusione del patrimonio artistico calabrese che trova degli importanti riconoscimenti e meritati premi nel vibonese.
Stiamo parlando della Compagnia teatrale cariese, che ha preso parte nei giorni scorsi alla rassegna teatrale organizzata dall’ associazione AbraCalabria di Nicotera, attraverso il premio di teatro Amatoriale “Nicola Cannatà”.
Tante le compagnie teatrali presenti, tra cui: la Compagnia teatrale amatoriale “I Commedianti” di San Ferdinando (RC) con: “A magia è na brutta malatia”, Giovanni Maiolo di Caulonia (RC) con: “Geografia del’anima”, la Compagnia teatrale cariese di Caria (VV) con: “A socera pa nora fu di zuccaru ma non fu bona”, l’Associazione culturale “U Catojiu” di Caulonia (RC) con: “La giara” di Pirandello, la Compagnia “Comerconi a Teatro” di Comerconi (VV) con: “Abracadabra candileri e micci”.
Romana Naso, presidente dell’associazione compagnia teatrale cariese -don Giuseppe Furchì, ha ottenuto il meritato riconoscimento di migliore attrice della rassegna teatrale. La presidente, fin da giovanissima ha iniziato a recitare con la filodrammatica “don Bosco” distinguendosi sempre per la sua originale recitazione. Tutte le commedie sono frutto della sua fantasia.

Un momento della rappresentazione - foto Fusca
Un momento della rappresentazione – foto Fusca

L’amore per il teatro, in realtà, è presente nella comunità cariese da oltre 70 anni.
La compagnia teatrale, ha infatti, custodito con orgoglio la filodrammatica “Don Bosco” fondata nel 1933 dal compianto Pasquale Pugliese, che ne fu l’anima e il direttore della stessa.
La filodrammatica, allora, metteva in scena commedie, ma soprattutto drammi che riscuotevano grande successo di critica e di pubblico in molti centri del vibonese. Dopo la morte del direttore della filodrammatica, un gruppo di cariesi ha portato avanti negli anni l’amore per il teatro limitandosi però a rappresentare commedie all’interno della comunità locale.
Il 7 maggio del 2003, vi è stata la svolta, quel gruppo di appassionati si è tramutato in associazione culturale compagnia teatrale cariese.
Divenuto un gruppo compatto, in continuo fermento di idee che mai abbandona la passione per il teatro.
Ad oggi la ctc è costituita da: Romana Naso, Mario Romano, dal brillante Francesco Pugliese, Maria Calello, Maria Rosa Rizzo, Domenica Molino, Rosa Pugliese, Caterina Naso e Camilla Loiacono.

Condividi l'articolo