“Carne Cruda”, il nuovo libro di Di Leo

Nei giorni scorsi è stato presentato al pubblico il nuovo libro di Giuseppe Nicola Di Leo dal titolo “Carne cruda”. L’incontro è avvenuto presso il Centro studi Talete, in via Fontana a Santa Domenica di Ricadi, e si è tenuto alla presenza delle autorità locali, oltre che dell’autore. Questo appuntamento è stato promosso anche dagli altri centri partner del “Talete”, a sua volta sede del Progetto “Politecnico Meridionale”, come ad esempio la “Libera Università Meridionale” ed il Centro comunitario di aggregazione sociale “Jaques Maritain”. Relatrice della serata la professoressa Vittoria Saccà, giornalista pubblicista e docente di lingua e letteratura italiana, mentre il ruolo di moderatrice è spettato alla dottoressa Nunzia Parisi, responsabile dell’ufficio stampa del Centro studi Talete. A fine serata, il giornalista di Rai3 Pasqualino Pandullo, intervenuto come ospite, ha invitato De Leo ad essere presente al premio letterario “Città di Tropea”, per presentare nuovamente il suo ultimo lavoro. De Leo è un autodidatta nello specifico letterario, cimentatosi su di un terreno che richiede attenzione al particolare. Egli dice che il suo «è un lavoro iniziato quasi per scherzo, ma con la speranza di poter continuare questo percorso intrapreso». “Carne cruda” racconta una storia – basata sull’esperienza di un giovane ragazzo meridionale trapiantato nella Milano “da bere” – che invita il lettore a soffermarsi sulle esperienze di ogni giorno. Antonio, questo il nome del protagonista, carico di aspettative e illusioni, si addentra in una realtà, la Milano degli anni ’80, profondamente diversa da quella del suo paese di origine. Droga, alcol e criminalità sono le problematiche che hanno dolorosamente segnato tutta un’epoca, e rappresentano – al contempo con l’amicizia e l’amore, la sofferenza e la forza interiore, i fallimenti e l’ambizione – le tematiche che fanno da sfondo alle vicende di Antonio.
“Carne cruda” racchiude quindi un invito a guardarsi dentro, in tutta sincerità e mettendo da parte schermi di ipocrisia, poiché a tutti è concessa, almeno una volta, la possibilità di dare una svolta alla propria vita.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta

Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.