PD – Circolo di Tropea

Comunicato Stampa

Conclusa la prima riunione, convocata dal coordinatore D’Agostino

Il coordinatore del circolo del PD di Tropea, Sandro D’Agostino -foto Libertino

Nella tarda serata del 3.2.2010 si è conclusa la prima riunione, convocata dal coordinatore Sandro D’Agostino, del circolo del PD di Tropea.
Il coordinamento si è trovato d’accordo nel ritenere aperta una nuova pagina del PD tropeano, all’insegna della ritrovata unità in vista delle prossime consultazioni elettorali regionali e comunali.
Rinnovamento e discontinuità le parole d’ordine per prepararsi ad affrontare le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale della città di Tropea.
La priorità è quella di andare verso scelte condivise con i numerosi iscritti, tant’è che nei prossimi giorni verrà resa nota la data in cui il coordinamento deciderà di incontrare i propri simpatizzanti per confrontarsi con tutte le sensibilità di cui il partito si compone.
L’obiettivo che il PD intende perseguire è quello di verificare la possibilità di realizzare una lista civica per assicurare la massima partecipazione delle numerose energie presenti nel paese, attraverso la condivisione di principi ispirati ad una politica innovativa, lontana da particolarismi ed individualismi. Il PD è pronto ad offrire – in condizione di pari dignità fra i partecipi – i propri uomini e le numerose risorse di cui si compone il partito, affinché possa crearsi una omogenea compagine, capace di garantire la migliore amministrazione per il paese ed individuare un autorevole candidato quale primo cittadino di Tropea. Dette indicazioni consentono di ritenere esplicitamente smentite le indicazioni apparse sulla stampa locale – in riferimento a possibili candidati a sindaco o a presunte composizioni della lista elettorale – che possono essere state legittime riflessioni, strettamente personali, di singoli iscritti al partito o (soprattutto) desiderata di avversari politici.
In tal senso è stato dato mandato al coordinatore Sandro D’Agostino di stabilire una serie di incontri con i soggetti politici organizzati, iniziando (ma sono in agenda confronti con ulteriori realtà politiche del paese) le consultazioni con il partito dell’UDC, con il Partito Socialista e con il movimento di PubblicaMente.

Condividi l'articolo