Cittadini esasperati scrivono al Sindaco di Tropea

Riceviamo e pubblichiamo

Gli abitanti della Piazzetta San Giuseppe scrivono: al Signor Sindaco Rodolico e agli Assessori Tropeano, Lorenzo, Vinci e Rotolo

Riproduzione2015-056
Siamo un gruppo di famiglie Tropeane che abitano tra L.go Mercato, Via Caivano, Largo Rota, tutte agglomerate e accanto alla famosa Chiesa e Piazzetta di S.Giuseppe.
Sono anni che chiediamo un intervento urgente per questa “Piazzetta”, ridotta ormai a dei “GROSSI SASSI, BUCHE, AVALLAMENTI… PIETRE che ROTOLANO… che sono una “MINA VAGANTE” per tutti gli abitanti, un buon numero anziani, impossibilitati a camminare senza il pericolo di rompersi “L’OSSO DEL COLLO”. Volete sapere come facciamo per attraversare questa “VERGOGNOSA STRADA”?  tenendoci aggrappati alle varie macchine parcheggiate o ai vasi di piante che circondano i locali commerciali.
Inoltre in seno a queste famiglie ci abitano anche dei disabili e pensiamo con terrore che la loro incolumità è fortemente precaria sotto tutti i punti di vista. Pensate per un momento a cosa succederebbe se un ragazzo di questi dovesse cadere. Queste famiglie sono già segnate da tanta sofferenza, sono costrette a lottare ogni giorno con istituzioni assenti e incapaci di porgere quel minimo aiuto indispensabile a lenire i tanti bisogni dei suoi figli più deboli.
Tutto questo non fa certo onore ad un paese chiamato la “PERLA DEL TIRRENO”, un paese dove per anni i suoi amministratori non sono mai intervenuti ad aiutare gli anziani e a farsi carico dei tanti problemi dei disabili.
E’ stato lodevole quest’estate abbellire con qualche pianta e sedile la nostra Tropea, ma permetteteci di dissentire sull’utilità di tutto ciò, perché sinceramente pensiamo che ben altre erano le priorità in una cittadina che dovrebbe essere lo “SPECCHIO” di attenzione per i suoi abitanti. Abitanti che pagano profumatamente le tasse senza avere quei servizi essenziali che sono alla base del vivere civile.
Siamo consapevoli che la situazione economica del Comune non è certo “ROSEA”, e quindi non pretendiamo, almeno per il momento, il rifacimento totale della piazzetta, basterebbe, fare come una lunga “passerella”, da un lato della strada, chiudere le tante buche e consentirci per il momento di camminare sicuri e senza pericolo.
Vogliamo sperare che la nostra richiesta venga finalmente accolta, altrimenti saremmo costretti a prendere noi stessi altri provvedimenti per salvaguardare la nostra incolumità.
Nel ringraziare quanti ci hanno letto e sicuri di una fattiva collaborazione, per quanto riguarda le

Gli abitanti della Piazzetta San Giuseppe

Condividi l'articolo