Ricordando Raf Vallone

In un luogo simbolo il tributo al suo cittadino prediletto

Una targa per ricordare Raf Vallone

In un luogo simbolo il tributo al suo cittadino prediletto.
Una targa per ricordare Raf Vallone verrà posta a Tropea nella famosissima piazzetta di Largo Migliarese. Si tratta di un luogo importantissimo per ogni tropeano, che regala un pizzico di magia ad ogni visitatore di Tropea, è la balconata posta a sessanta metri d’altezza a strapiombo sul mare in fondo al Corso Vittorio Emanuele, dalla quale è possibile ammirare lo scoglio di Santa Maria dell’Isola incorniciato tra i palazzi nobiliari del centro storico e le mille sfumature del cielo di Calabria. Chi ha avuto la fortuna di visitare questo luogo, non ha avuto difficoltà a riconoscerlo come uno dei panorami più belli d’Italia.
L’idea di legare in questo modo “l’Affacciu” ad uno dei figli prediletti di questa terra è partita dal consigliere comunale Saverio Simonelli, che ha concordato di realizzare questa importante iniziativa in un recente incontro tenutosi presso i locali dell’antico Sedile di Tropea con i familiari di Raf Vallone. Nella targa, che verrà apposta nei pressi della balconata nelle prossime settimane a suggello di tale ricordo, sarà trascritta una frase che Vallone soleva pronunciare a proposito del mare della cittadina tirrenica: «A Tropea c’è un mare tutto particolare: profondissimo, che arriva fino alla riva, e questo dà una sonorità all’onda che è unica, una sonorità rimasta da sempre impressa nella mia memoria». E così come il grande attore tropeano conservava impressi nella sua memoria i suoni della propria terra, allora allo stesso modo gli abitanti di Tropea potranno custodire il ricordo del loro illustre concittadino in uno dei luoghi più importanti della tropeanità.
Durante la serata in cui verrà celebrata la cerimonia della posa della targa, verrà inoltre proiettato in piazza il film di Pietro Germi “Il cammino della speranza”, il primo in cui Raf Vallone ha lavorato come protagonista assieme a Elena Varzi, la donna che divenne poi la sua compagna di vita. «Con tali proponimenti – spiega il presidente della Pro loco di Tropea Mario Lorenzo – la figura di Raf Vallone assume nel territorio una più ampia solidità ed acquisisce un alto significato culturale di riferimento».
Nel progetto il prof. Lorenzo ha avuto un ruolo molto importante, partecipando sin dalla riunione tra gli amministratori ed i familiari di Vallone ad ogni tappa di questa iniziativa che, come lui stesso fa sapere, «non sarà l’unica con la quale Tropea ricorderà uno dei suoi figli più cari che fece grande la cinematografia e il teatro nel mondo. È in preparazione infatti per il prossimo anniversario dalla scomparsa – che ricade il 31 ottobre – la dedica all’attore del neorealismo di una strada o largo del centro storico».
Sempre grazie al fattivo impegno della Pro loco, inoltre, sono stati presi i primi contatti anche la Film Commission Calabria, che attraverso il suo presidente, Francesco Zinnato, ha offerto la disponibilità a collaborare alla riuscita delle due occasioni, dimostrando anche in questa occasione una particolare sensibilità verso gli eventi ruotanti attorno alla cittadina tirrenica.A tal proposito, l’augurio degli organizzatori è di riuscire a reperire, con l’aiuto di Zinnato, la pellicola del film “Carne inquieta”, che è basata su una storia tratta dal romanzo di Leonida Repaci ed è stata diretta ed interpretata dal Vallone e da Silvestro Prestifilippo, un altro personaggio illustre che la Calabria ha regalato al cinema. La copia di questo film, infatti, che è custodita presso la “Cineteca della Calabria” che ha sede a Catanzaro, costituisce un “unicum” in tutta Italia, e verrebbe proiettata a Tropea in occasione dell’intitolazione della piazza.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.