Conocchiella lascia la Cisl

Non ci sono rappresentanti del Vibonese

Fuori dal coro: esautorato dai segretari generali

Giuseppe Conocchiella
L'ex segretario Femca Cisl Giuseppe Conocchiella

Dopo 35 anni di dirigenza tra le fila del sindacato, Pino Conocchiella lascia ufficialmente l’esecutivo dell’Unione sindacale territoriale (Ust) Cisl di Vibo Valentia. Ma è un addio con l’amaro in bocca. «Con il cuore pieno di emozione e sentimenti contrastanti – scrive il sindacalista in una lettera agli iscritti -, debbo anche oggi rispettare le regole di rappresentanza delegata. Essendo stato esautorato dal segretario generale della “Femca” nazionale, Sergio Gigli, e dal segretario generale dell’Unione sindacale regionale Calabria (Usr), Paolo Tramonti, anche dal Consiglio Generale della “Femca” Calabria, lascio l’incarico a chi dovrà rappresentare questo meraviglioso territorio». Conocchiella si è dimesso a causa delle «violazioni dello Statuto e dei Regolamenti avvenuti nella sede del Congresso Straordinario a Lamezia» che sono per lui «difficilmente digeribili», tanto da indurlo a «buttare la spugna e lasciare spazio al nuovo che avanza».
Non è ancora chiaro chi prenderà il suo posto, in quanto non sarebbero stati pubblicati i dati ufficiali relativi ai risultati delle elezioni del congresso straordinario. Eppure Conocchiella ricorda di aver «cercato in tutti i modi di rappresentare il territorio in modo competente e dignitoso, presentando anche una lista inter-territoriale a preminenza di candidati vibonesi», non riuscendo però nell’intento «a causa di comportamenti scorretti dei vertici federali e confederali». Per questi motivi, il rappresentante della Femca si assume la responsabilità politica rassegnando le dimissioni da tutti gli incarichi, ma rammenta agli iscritti che non vi sono rappresentanti della provincia di Vibo Valentia nella nuova segreteria indicata dai vertici ed eletta dal Congresso Straordinario, che quindi «non tiene per nulla conto della realtà degli iscritti del territorio». La segreteria attuale è composta dai cosentini Greco e Santoianni, dai catanzaresi Grande e Comito, dal crotonese Chiaravalloti e dal reggino Scirtò.
«Questo – prosegue Conocchiella – è un problema del mio segretario generale dell’Ust di Vibo, Sergio Pititto, e della sua Segreteria, a cui non voglio neanche lontanamente sostituirmi o suggerire soluzioni di recupero del ruolo politico territoriale». Nel congedarsi dagli amici del sindacato, con una circolare inoltrata mercoledì, Conocchiella invita tutti a leggere il ricorso che ha presentato ai Probiviri «in cui sono riportati fedelmente e chiaramente – conclude – i veri fatti e i misfatti di questa triste vicenda».

 

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.