I tre libri al prefetto di Vibo

I tre libri finalisti del Premio Tropea di narrativa sono stati consegnati al prefetto di Vibo Valentia, Ennio Mario Sodano, dal sindaco della cittadina tirrenica, Antonio Euticchio, nel corso di un breve e cordiale incontro che si è svolto in Prefettura. All’incontro hanno partecipato anche il giornalista Pasqualino Pandullo, presidente dell’Accademia degli Affaticati (l’Associazione che organizza l’evento culturale) e l’assessore comunale al Turismo e ai Beni Culturali, Michele Accorinti.
Il fermento di eventi legati al mondo della cultura e a quello dello spettacolo in programma a Tropea, è stato al centro delle parole dell’assessore comunale al Turismo “e questo fermento – ha sottolineato Michele Accorinti – ha trovato nella nostra amministrazione prima un ispiratore, poi un interlocutore ”.
Al prefetto di Vibo Valentia, il presidente dell’Accademia degli Affaticati ha illustrato il meccanismo del Premio Tropea, che da questo momento affida a tutti i sindaci calabresi il verdetto sul vincitore: i primi presìdi istituzionali di ogni comunità civile, dunque – ha detto Pasqualino Pandullo – immaginati come alfieri di una vera e propria campagna per la lettura”.
Il prefetto Ennio Mario Sodano ha tenuto ad annunciare che sarà presente alle serate finali (in programma per il 4, 5 e 6 di luglio) e che vorrà conoscere personalmente i tre scrittori finalisti del Premio letterario Tropea. Si tratta, lo ricordiamo, di Gianrico Carofiglio per il libro “Ragionevoli dubbi” (Sellerio editore), Ornela Vorpsi con “La mano che non mordi” (Einaudi) e Domenico Starnone con “Prima esecuzione” (Feltrinelli). Le tre opere sono state selezionate dal Comitato tecnico-scientifico del Premio, presieduto dalla giornalista e scrittrice Isabella Bossi Fedrigotti.
Il prefetto di Vibo Valentia, dallo scorso gennaio alla guida del Palazzo di Governo vibonese, si è complimentato con i promotori della manifestazione. “Sono un appassionato di lettura – ha detto il prefetto Sodano – e credo che quello culturale sia lo strumento più giusto per valorizzare i pregi di questo territorio”. “Il progetto del Premio letterario Tropea – ha concordato il sindaco di Tropea, Antonio Euticchio – ha subito suscitato l’approvazione e il sostegno dell’amministrazione comunale. Attorno ad esso si sta formando una rete, di cui il Comune è parte centrale: tutto questo – ha osservato il sindaco di Tropea – introduce una novità importante nella mentalità dei nostri enti locali”.

Condividi l'articolo