Consiglio dinanzi il Santuario dell’Isola

14 i punti all’ordine del giorno

Assenti per la seconda volta il gruppo consiliare di minoranza

Giuseppe Rodolico, Adolfo Repice, Nino Valeri - foto Libertino
Ha richiamato numerosi cittadini il consiglio comunale dell’altro ieri pomeriggio che ha avuto come location eccezionale il piazzale di marina dell’Isola e che ha registrato ancora una volta l’assenza di tutti i consiglieri di minoranza.
“Un’altra occasione mancata, ha esordito il sindaco Adolfo Repice, per rendersi compartecipi alla risoluzione dei problemi della città”, facendo poi notare come “tutta la maggioranza compatta non si lascia intimidire da quanto viene propagandato quasi giornalmente, attraverso articoli di stampa e siti internet, con minacce di bassa leva per creare un clima di tensione, e nello stesso tempo invece di dare un contributo costruttivo si presentano interrogazioni su lavori avviati (scala dei carabinieri, lungomare, rupe) per garantire la buona riuscita della stagione estiva”.
Il consiglio comunale riunito dinanzi il Santuario dell'Isola - foto Libertino

Dopo questa premessa vengono discussi i  punti all’O.d.G che per alzata di mano e con immediata esecutività sono tutti approvati all’unanimità tranne quello relativo al diverso utilizzo del prestito cassa DD.PP., assunto in origine per realizzare opere di urbanizzazione primaria e percorso pedonale in zona “Campo di sotto”, che s’intende ora impiegare per opere di urbanizzazione e riqualificazione stradale e piazza del centro storico.
Infatti il finanziamento di 480mila euro, risalente al 2001 e per il quale da allora il Comune sta pagando le quote del mutuo, non è più sufficiente a realizzare l’opera, per la quale invece s’intende chiedere un finanziamento regionale di 1.500.000 euro.
La discussione di tale punto è rinviata di una diecina di giorni essendo stata accolta la richiesta di una delegazione di proprietari della zona del Campo di avere un incontro con l’Amministrazione per dialogare.
Tra gli argomenti più importanti discussi durante la seduta, che sono stati oggetto di critiche nei giorni scorsi da parte dell’opposizione, la convenzione stipulata con Parghelia per gestire in forma associata il servizio di segreteria generale affidato al dott. Pelaia e l’alienazione del bene immobile di largo Ruffa per la cui 20 anni dalla destinazione d’uso come albergo a cinque stelle, è prevista a breve una gara europea. Il sindaco, insieme a tutta la squadra, è ben determinato ad alienare tutti i beni improduttivi per il Comune “per arricchire il patrimonio dell’Ente con la plusvalenza e riuscire, in primis, ad eliminare i debiti senza pagare ulteriori interessi e poi investire in ulteriori opere pubbliche”.
Il consiglio comunale tenuto nel piazzale sotto la rupe di Tropea - foto Libertino

L’assessore Romana Lorenzo ha illustrato i contenuti di diversi punti, tra cui quelli relativi al riordino dello Statuto comunale,  al nuovo regolamento del corpo di polizia municipale, alla nuova disciplina delle procedure di polizia amministrativa con l’inserimento, su  richiesta del consigliere Carmine Sicari, di una norma transitoria relativa all’occupazione degli spazi pubblici con sospensione per la prossima stagione estiva degli art. 7,8,9 ma sempre“nel rispetto della circolazione veicolare e pedonale e delle norme sull’inquinamento acustico”.
L’assessore Padula ha dichiarato che la gestione dei parcheggi sarà affidata ad una ditta esterna, come pure la gestione della riscossione dei tributi. Per semplificare il rapporto con i cittadini a giorni nei locali della Pro Loco, che sarà sistemata in altra sede, sarà aperto l’ufficio relazioni col pubblico. Sulla variazione di bilancio per il 2010 si è reso necessario uno stanziamento di 26mila euro “solo per far fronte alle spese legali per le centinaia di cause che negli ultimi anni un solo studio legale di Tropea ha intentato contro il Comune”.
Sulla vicenda del Porto il sindaco ha ribadito che la consulenza affidata all’esperto di Torino è totalmente gratuita mentre ha fatto notare che “una struttura con 700 posti barca e ricavi di milioni di euro all’anno ha finora fatto entrare nelle casse comunali 12mila euro in sette anni”, da qui l’esigenza di “riappropriarci dei beni del Comune che è quasi in dissesto mentre si fanno regali ai privati”.
L’assessore Rodolico ha illustrato il progetto preliminare per i parcheggi multipiano in località Contura che prevede la realizzazione di 114 box da destinare ai privati e 184 posti auto, per una spesa di circa 5milioni di euro autofinanziata dal concessionario, senza costi per il Comune. Sarà chiesto invece un finanziamento regionale di 1.335.000 euro per i lavori di riqualificazione urbana e servizi di piazza Vittorio Veneto, via Stazione e tratti adiacenti per i quali è stato bandito un concorso d’idee.

Condividi l'articolo