17 agosto 2017 - Sito indipendente dal 1994


Letto
404 volte


Contro la mafia, studenti tropeani a Locri

“Luoghi di speranza, testimoni di bellezza” è lo slogan che accompagna il 21 marzo

L’Istituto Superiore di Tropea a Locri per la ventiduesima Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie promossa da Libera

Beatrice Lento, don Luigi Ciotti

Dopo l’incontro con don Luigi Ciotti dello scorso 8 Marzo e il suo appello a non mancare all’appuntamento del primo giorno di primavera, l’Istituto Superiore tropeano moltiplica il suo impegno per partecipare alla grande manifestazione diventata ormai tradizionale. Tre pullman carichi di entusiasmo arriveranno a Locri e i Magnifici Ragazzi di Tropea, con i loro striscioni e i simboli che parlano di impegno e di cittadinanza, contribuiranno a rendere vive nel ricordo le vittime innocenti di tutte le mafie.
“Il nostro omaggio andrà a tutti e in particolare a Pino, il giovane di Acquaro, ucciso perché innamorato di una ragazza destinata alla ‘ndrangheta.
La sua storia ci ha particolarmente colpito sia per la contrapposizione tra l’amore e la logica di morte delle mafie sia per il profondo legame tra il nostro Istituto e Matteo Luzza, fratello di Pino, che più volte ci ha parlato della tragica fine del ragazzo che ha determinato la sua forte passione al servizio della legalità all’interno di Libera Vibo. La nostra partecipazione all’evento ha ormai superato i dieci anni ed ora che si realizza a Locri ci sentiamo particolarmente motivati a gridare no alle mafie come cittadini di una Regione vittima dello stereotipo che ci presenta tutti come ‘ndranghetisti. Un pregiudizio che ci è stato sempre stretto e contro il quale abbiamo sempre lottato cercando di educare giovani amafiosi che hanno acquisito, cioè, gli anticorpi di difesa dalla criminalità organizzata”
“Luoghi di speranza, testimoni di bellezza” è lo slogan che accompagna il 21 marzo allo scopo di evidenziare i legami forti tra la tutela dell’ambiente e l’impegno per la giustizia, un’espressione particolarmente calzante con la scelta di Locri e della Calabria quale sede principale della Giornata: una terra in cui la bellezza del territorio deve farsi testimone e paladina di lotta contro il male.
L’Istituto tropeano condividerà la manifestazione anche a distanza e a partire dalle 10,00 si reciteranno, nelle varie sedi, i nomi delle vittime innocenti delle mafie per vivere in maniera corale questa mattinata di lotta, di denuncia e di speranza.

Il dirigente Scolastico
Prof.ssa Beatrice Lento



Ti potrebbe interessare anche:

Commenti chiusi.