Controreplica di L’Andolina

Ancora sulla querelle del Porto

“Ecco le risposte ai suoi interrogativi”.

L’articolo apparso giorni fa sul Quotidiano e su Tropeaedintorni.it a firma dell’Avv D’Agostino che controreplicava al sottoscritto sulla “querelle Porto di Tropea”,necessita di una precisazione non perché ci sia altro d’aggiungere ma unicamente perché quella replica è così ricca di singolarità che il lettore che non conosce a fondo la verità,è portato a pensare che Tropea dal 4 agosto 2011 è amministrata da una banda di incompetenti mentre prima godeva di una compagine giusta, illuminata e avveniristica con un modo nuovo di far politica e di gestire la cosa pubblica talmente elevato da fare impallidire Salomone,Giulio Cesare,Napoleone e Adenauer…
In realtà quella replica scritta d’impeto,ricca di insulti ma scarsa di contenuti è tipica di chi non avendo argomenti validi sui quali poggiare le proprie tesi passa alle gratuite offese.
Ecco le risposte ai suoi interrogativi:
1- L’Amministrazione Vallone non procede con la transazione che pure era la soluzione più vantaggiosa per la Città in quanto l’ultima parola sulla Concessione,secondo la normativa vigente spetta alla Regione. E la Regione dopo l’esposto di “Passione Tropea” protende per il bando Europeo.
2- Non abbiamo chiesto un parere pro-veritate agli avvocati Morcavallo,Assisi e Spadaro semplicemente perché non c’era motivo per farlo. Avevamo e abbiamo piena fiducia negli avvocati,due dei quali,uno,l’avv Morcavallo nominato dal Repice,avevano espresso parere positivo per la transazione.
3- Se un consigliere comunale dovesse dimettersi perché un organismo superiore,in questo caso la Regione Calabria,indica un’altra strada,rispetto a quella che si era pensata,le città rimarrebbero amministrate solo dai Commissari Prefettizi.. Piuttosto, l’avv D’Agostino e la vecchia Giunta Repice,perché non si sono dimessi quando la Funzione Pubblica,sulla questione degli LSU li accusò di violare gli art. 32 e 97 della Costituzione Italiana rispettivamente; violazione del principio costituzionale di PARITA’ DI TRATTAMENTO e violazione della IMPARZIALITA’ della pubblica Amministrazione? Se pensavano di essere nel giusto come hanno fatto credere perché non si sono dimessi?…
In realtà l’attuale sofferenza nella quale è stata fatta precipitare Tropea,porta una data ben precisa:
28 settembre 2010 quando la Giunta Repice con delibera n.42 procede alla internalizzazione del Porto,pur essendo,quella internalizzazione assolutamente illegittima come stabilito dal TAR. E su questo argomento che l’avv puntualmente evita di affrontare,non c’è da fare alcuna interpretazione. Con quella delibera avete certificato la vostra responsabilità politica e morale su quanto poi ne sarebbe derivato.
Ma le “perle” Amministrative della ex maggioranza Repice che l’avv D’Agostino si ostina a puntualizzare,è questo è per davvero sconcertante,sono altre.
L’avveniristica amministrazione Repice aveva deliberato due avveniristici progetti: “Noi-dice l’avv- proponevamo per le scuole un progetto avveniristico”.Questo progetto avveniristico,scuole con piscina,palestre,anfiteatro e non so cos’altro doveva realizzarsi con il cosiddetto leasing in costruendo. In poche parole la scuola viene costruita da una azienda con i soldi forniti da una banca. A lavori ultimati il Comune comincia a pagare il mutuo. Alla fine riscatta la scuola pagando un ulteriore 3%.Bello no? Peccato però che il Comune di Tropea se questa formula fosse andata in porto avrebbe dovuto pagare circa 450 mila euro di mutuo l’anno per vent’anni…
Costo finale del progetto avveniristico dai sei agli otto milioni di euro…
Ma c’è di più, alla gara del progetto avveniristico non si è presentato nessuno..evidentemente,banche e aziende costruttrici,contrariamente all’avv D’Agostino e alla sua compagine, hanno non solo i piedi ben piantati per terra ma avranno anche pensato che il progetto avveniristico era talmente avveniristico che non era il caso di affrontare il futuro. Mi chiedo,ma questo metodo è uno di quelli che hanno prodotto al Comune di Torino circa 5 miliardi di debiti?…
“Volevamo fare un parcheggio multipiano in località stazione…Vallone preferisce l’immobilismo”Il parcheggio multipiano avrebbe dovuto realizzarsi con il project financing.Il progetto si paga con i soldi che derivano dall’incasso una volta che l’opera è realizzata. Si da il caso che il Comune di Tropea indice una gara dove si presenta un solo soggetto giuridico,una associazione temporanea di imprese, con una proposta di intervento che prevede la costruzione oltre al parcheggio,di un centro commerciale che non solo stravolge il progetto originario approvato dal Consiglio Comunale, ma quel progetto insiste su una zona F del PRG che non prevede nessuna edificazione di centri commerciali… Ecco il nuovo che avanza.
Ma si rende conto…
La mia “poltrona” di vice Sindaco,che mi onoro di occupare e mi preoccupo di onorare è là. E a disposizione della Città. So bene quale sia il mio compito. E la mia sola preoccupazione è quella di usarla nell’interesse dei cittadini. I soli caro avvocato D’Agostino,che decidono in merito. Non lei,né “Passione Tropea” né il suo Partito che ci auguriamo possa continuare ad essere diretto da politici avveniristici.
Dopo tangentopoli l’80% del vecchio PSI è confluito nel PDL:In quell’80% c’ero anche io .Nel 2005 mi sono candidato con il nuovo-PSI alla Provincia con il centro-destra. Ho aderito al PDL anni fa. Ma davvero,avvocato, crede che a Tropea qualcuno possa fare ombra al Sindaco Vallone? Dai… Tropea è piena di ombre che si aggirano intorno a svariate cariche;qualcuno vuole fare l’assessore,qualcun altro il Sindaco,qualcun altro ancora il Presidente di non so che cosa,altri il segretario di Partito… e queste ombre nella ricerca spasmodica di una poltrona,di una sedia,di una pietra dove posizionarsi,si affannano,sudano,si dimenano,spingono,urlano,provano a diventare carne e ossa ma,in questa corsa perpetua,smarriscono il senso della realtà,dimenticando che il loro universo è fatto di ombra e come l’ombra del vento nessuno riesce a vederli.

Dr Massimo L’Andolina
Vice Sindaco-Tropea

Condividi l'articolo