Undici denunciati dai Carabinieri

In occasione delle fiere tradizionali di “San Giuseppe” e “dell’Annuziata”

Responsabili di commercializzazione e detenzione di prodotti con marchi contraffatti

La Caserma dei Carabinieri della Compagnia di Tropea - foto Libertino
La Caserma dei Carabinieri della Compagnia di Tropea - foto Libertino

11 denunciati, 8 dei quali stranieri: è questo il bilancio dei controlli eseguiti dai Carabinieri della Compagnia di Tropea nell’ambito del servizio coordinato finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati predisposto nei Comuni della giurisdizione di competenza, ed in particolare a Tropea ed a Nicotera, in occasione delle fiere tradizionali di “San Giuseppe” e “dell’Annuziata”.
Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, ricettazione ed inosservanza dei provvedimenti dell’autorità sono le più gravi fattispecie di reato contestate ai soggetti deferiti all’Autorità Giudiziaria.
Nelle due giornate del 22 e 23 marzo scorsi, in particolare sono state denunciate sei persone resesi responsabili di commercializzazione e detenzione di prodotti con marchi contraffatti:
Y.D., 33 anni proveniente dal Senegal, residente a Pescara, ambulante, con precedenti polizia;
D.S., 27 anni proveniente dal Senegal, residente a Napoli, ambulante, con precedenti polizia;
K.B., 33 anni proveniente dal Senegal, residente a Botricello, ambulante, con precedenti polizia;
D.O., 30 anni proveniente dal Senegal, residente a Copertino (Le), ambulante, con precedenti polizia;
D.M.D., 39 anni proveniente dalla Guinea, residente a Napoli, ambulante, con precedenti polizia.
I soggetti sono ritenuti responsabili di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi o contraffatti e ricettazione. Gli stessi sono stati sorpresi nel centro abitato di Tropea nelle giornate del 22 e 23 marzo a porre in vendita capi di abbigliamento ed accessori riportanti marchi registrati di note case di abbigliamento palesemente contraffatti. Il materiale, del valore di euro 70.000,00 circa, è stato sottoposto a sequestro.
Nella giornata del 19 marzo u.s. sono stati inoltre deferite all’Autorità giudiziaria ulteriori 6 persone, tutte resesi responsabili di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità:
Y.Y., di 36 anni proveniente dalla Cina, residente a Nicotera, commerciante;
P.L., di 48 anni proveniente dalla Cina, residente a Nicotera, commerciante;
Z.G., di 36 anni proveniente dalla Cina, residente a Nicotera, commerciante;
P.A., di 44 anni di Nicotera, commerciante;
C.M., di 46 anni di Nicotera, commerciante;
S.D., di 40 anni di Nicotera, frazione Marina, commerciante.
I sei soggetti sono ritenuti responsabili di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità in quanto, nella giornata del 19 marzo, non ottemperavano alla disposizione di chiusura dei rispettivi esercizi commerciali, contravvenendo all’ordinanza emessa dal Comune, che disponeva, per quella data, la chiusura di tutti gli esercizi commerciali insistenti in quel territorio.
Negli stessi giorni sono stati inoltre eseguiti, con la collaborazione del personale N.A.S. di Catanzaro, numerosi controlli presso esercizi commerciali e di ristorazione finalizzati alla verifica sul rispetto delle norme igienico sanitarie. Nell’ambito di tale attività sono state elevate contravvenzioni per violazione dei requisiti generali in materia di igiene nei confronti del titolare di un esercizio bar-paninoteca sito San Calogero, frazione Calimera.

Comandante Comp. CC Tropea

Condividi l'articolo