9 i denunciati dalla Compagnia di Tropea

Le violazioni nei comuni di Zambrone Ricadi Zungri e Tropea

Controlli per abusivismo edilizio ed inquinamento

La Caserma dei Carabinieri della Compagnia di Tropea - foto Libertino
La Caserma dei Carabinieri della Compagnia di Tropea - foto Libertino

Sono nove le persone denunciate a piede libero dai Carabinieri della Compagnia di Tropea nell’ambito di un servizio coordinato finalizzato alla prevenzione e repressione di condotte illecite nei settori dell’inquinamento ambientale e dell’abusivismo edilizio.
Il servizio, inserito nell’annuale programma di tutela del territorio nel rispetto della legislazione speciale nazionale e regionale e dello stato di emergenza rifiuti che coinvolge la Regione Calabria, ha interessato, oltre a Tropea, altri tre comuni del territorio di competenza della Compagnia Carabinieri: Zungri, Ricadi e Zambrone, tutte località che in virtù delle risorse paesaggistiche a disposizione costituiscono centri di altissima vocazione turistica.
I militari della locali Stazioni Carabinieri, che hanno operato congiuntamente sul territorio, hanno contestato ai denunciati le seguenti violazioni:attivazione di discarica abusiva di rifiuti speciali; abusivismo edilizio; distruzione o deturpamento bellezze naturali.
Questi i dettagli sui soggetti deferiti a piede libero all’Autorità Giudiziaria:
G.S., classe 1975 di Zungri, imprenditore edile, denunciato poiché resosi responsabile del reato di inquinamento ambientale ed attivazione di discarica di rifiuti pericolosi. I militari operanti hanno rinvenuto, all’interno nel proprio cantiere edile sito a Zungri, numerosi pannelli di cemento amianto (eternit) in fase di forte deterioramento. L’area è stata sottoposta a sequestro;
C.S., classe 1962 di Tropea, esercente, unitamente a
G.M., classe 1963 di Vibo Valentia, ingegnere e
M.D., classe 1977, di Zambrone, frazione San Giovanni, geometra, poiché resisi responsabili del reato di abusivismo edilizio. I soggetti stavano realizzando, all’interno di una nota struttura ricettiva ubicata a Zambrone, località Priscopio, muri in pietra finalizzati a lavori di lottizzazione, senza le previste autorizzazioni. I manufatti sono stati sottoposti a sequestro;
L.P., classe 1967 di Tropea, impiegato, unitamente a
V.R., classe 1965 di Tropea, casalinga,
A.J., classe 1940 di Tropea, impiegata e
D.V.S., classe 1951 di Tropea, operaio, poiché resisi responsabili del reato di abusivismo edilizio. I soggetti sono stati sorpresi ad eseguire lavori di ristrutturazione presso un condominio sito nel centro di  Tropea, senza le previste autorizzazioni;
L.M., classe 1945 di Ricadi, frazione Brivadi, operatore turistico, poiché resosi responsabile del reato di abusivismo edilizio. Il soggetto veniva sorpreso ad eseguire all’interno della propria nota struttura ricettiva denominata ubicata a Ricadi, frazione San Nicolò, località Torriano, una struttura in legno della superficie di mq.250 in assenza delle previste autorizzazione. La struttura è stata sottoposta a sequestro

Comandante Comp. CC  Tropea

Condividi l'articolo