E’ arrivato a Milano il Santo Padre

Benedetto XVI è arrivato in Piazza Duomo poco prima delle ore 18.

In esclusiva per i lettori di Tropeaedintorni.it l’entrata di Papa Joseph Aloisius Ratzinger alla scala di Milano assieme al sindaco della città meneghina.

Papa  Joseph Aloisius Ratzinger  alla scala di Milano assieme al sindaco della città meneghina - foto Grillo
Papa Joseph Aloisius Ratzinger alla scala di Milano assieme al sindaco della città meneghina - foto Grillo

Un giorno prima del 2 giugno in un clima inquinato dagli avvenimenti sismici in Emilia Romagna, oggi è arrivato a Milano il Santo Padre.
Benedetto XVI è arrivato in Piazza Duomo poco prima delle ore 18 e per prima cosa ha fatto il giro della piazza con la papamobile per salutare i fedeli presenti poi è salito sul palco salutando la folla, composta da circa 60 mila presenti – fonte vaticana -, tra acclamazioni e canti.
Queste le parole, dal palco allestito davanti al Duomo, del Santo Padre rivolte rivolte alla folla che già dalle prime ore del pomeriggio lo ha aspettato in Piazza Duomo:
“Saluto cordialmente tutti voi qui convenuti così numerosi, come pure quanti seguono questo evento attraverso la radio e la televisione. Grazie per la vostra calorosa accoglienza!”.
Ancora Benedetto XVI: “Sono molto lieto di essere oggi in mezzo a voi – ha detto – e ringrazio Dio che mi offre l’opportunità di visitare la vostra illustre Città. Il mio primo incontro con i Milanesi avviene in questa Piazza del Duomo, cuore di Milano, dove sorge l’imponente monumento simbolo della città. Con la sua selva di guglie esso invita a guardare in alto, a Dio. Proprio tale slancio verso il cielo ha sempre caratterizzato Milano e le ha permesso nel tempo di rispondere con frutto alla sua vocazione: essere un crocevia – Mediolanum – di popoli e culture”.
Accanto al Papa, l’Arcivescovo di Milano Angelo Scola: “Beatissimo Padre, con commozione e con gioia in questa piazza, cuore pulsante della nostra città, e dell’area metropolitana milanese, divenute ormai cosmopolite, La accogliamo oggi, successore di Pietro giunto a confermare la nostra fede”. “La storia e i destini di questa ‘terra di mezzo’ (Mediolanum) sono impregnati da un solido intreccio di cristianesimo e civiltà – ha continuato il Cardinale Scola – Lungo i secoli è maturata la fisionomia di un popolo laborioso, accogliente e generoso. Un popolo fiero della sua singolarità, alimentata e custodita dal rito ambrosiano. Questi tratti continuano, come un fiume carsico, ad irrorare terreno della comunità cristiana e della società civile, anche in questo tempo di grande travagli”. “Milano è cambiata – ha aggiunto l‘Arcivescovo – sta cercando il suo nuovo volto, ha la necessità di ripensare il mondo del lavoro e della finanza, di cui resta in Italia la capitale. Difatti – ha detto – si intravvedono i lineamenti della Milano del futuro”.


[nggallery id=27]


Sul palco c’era anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia che ha dato il benvenuto al Santo Padre: “Santità – ha detto – è con profonda emozione che le do il benvenuto a Milano, a nome mio e della città, e anche di tutti quegli uomini e quelle donne che arrivano da 170 paesi del mondo e che hanno scelto Milano come luogo per vivere. Un benvenuto da parte dei cattolici, che sono la maggioranza, e di tutti i credenti, perché la Fede non è motivo di divisioni ma di coesione. Benvenuto anche dai non credenti – ha continuato il sindaco – le diversità non possono essere motivo di scontro ma fonte di aggregazione”. Il successore di Pietro ha concluso rivolgendo parole di affetto, vicinanza e solidarietà ai cittadini della regione Emiliana che è stata interessata dagli avvenimenti disastrosi del sisma. “A tale proposito – ha aggiunto – mi compiaccio di quanto la Diocesi di Milano ha fatto e continua a fare per andare incontro concretamente alle necessità delle famiglie più colpite dalla crisi economico finanziaria e per essersi attivata subito per soccorrere le popolazioni terremotate dell’Emilia Romagna, che sono nel nostro cuore e nella nostra preghiera e per le quali invito, ancora una volta, ad una generosa solidarietà”. Ha concluso l’incontro dal palco con la folla il Cardinale Angelo Scola ha poi salutato il Santo Padre: “Grazie, Beatissimo Padre, per la sua presenza generosa e per l’insegnamento che attendiamo a cuore aperto. Ci confermi nella fede appassionandoci all’uomo”.

Subito dopo davanti alla Scala di Milano abbiamo immortalato l’evento con foto e un filmato.

[flashvideo file=/VideoF4V/PapaMilano.flv /]

Condividi l'articolo