Fare carità, ma come?

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

079a-Carità

Fare carità, ma come?

Come discepoli di Gesù Cristo dobbiamo aiutare i poveri, ma come farlo? – Dare il pesce per mangiare o la lenza per pescare? – C’è chi dice ai benestanti: “Non date denaro ai poveri, perché lo spendono per ubriacarsi”… E c’è chi invece agli stessi dice: “Date loro del denaro. Essi ne hanno bisogno, e voi avete bisogno di donare”…

Sul web girano consigli, principi ed esperienze utili ad orientarci su come comportarsi con i poveri: 1. Non fate mai per i poveri ciò che possono fare da soli – 2. Limitate le donazioni a senso unico alle emergenze – 3. Date potere ai poveri attraverso l’impiego, i prestiti e sovvenzioni per investimenti ben progettate – 4. Servite i poveri, non la vostra immagine – 5. Ascoltate i bisognosi – 6. Non ferite.

L’associazione The Turning Point [Il Punto di Svolta] è stata fondata da Fred McCain, un alcolista di Brooklyn che ha perso il suo lavoro ed è finito a dormire in macchina.
Dopo il suo recupero, Fred ha aiutato il suo primo amico con una dipendenza a rifarsi una vita. Alla fine ha comprato uno degli hotel andati in rovina per ospitarvi uomini in via di recupero. Turning Point oggi aiuta le persone con dipendenze a trovare un impiego e assicura il trasporto fino al posto di lavoro. E assicura un pasto dignitoso a coloro che sono in necessità.
Gli uomini vivono insieme nell’albergo, pagano un affitto e affrontano il loro programma di recupero. Visto che lavorano e contribuiscono, l’associazione si autofinanzia, non dipendendo da cene di gala e grandi campagne di finanziamento. È sobria e con i piedi per terra. Tra i membri assistiti si vendono uomini con un grande senso dell’orgoglio, dell’umorismo e della direzione e del significato della propria vita.
Da poveri e da falliti, così, recuperano una dignità ed una sana autonomia.

Una considerazione
L’elemosina fa il bene, ma lascia le cose come sono. La carità-amore desidera e costruisce il meglio per l’altro. Il vero amore non serve mai se stesso, ma ascolta sempre con attenzione i bisogni dell’altro, sviluppando e creando nuove possibilità.
Ma questo comporta un nostro cambiamento interiore che possa garantire una carità che sia allo stesso tempo dura e tenera e serva davvero i bisognosi.

L'elemosina fa il bene, ma lascia le cose come sono. La carità-amore desidera e costruisce il meglio per l'altro.
L’elemosina fa il bene, ma lascia le cose come sono. La carità-amore desidera e costruisce il meglio per l’altro.
Condividi l'articolo