Festeggiata a Tropea la Madonna di Romania

Il Vescovo ha presieduto la messa solenne, alla presenza delle autorità del comune

Nel tardo pomeriggio, la sacra e venerata Icona della Madonna ha attraversato in processione le vie della città

Si sono conclusi a Tropea i festeggiamenti per la festa patronale della Madonna di Romania, patrona della città e della diocesi di Mileto – Nicotera- Tropea che ogni anno si svolgono il 9 settembre, ricordando l’incoronazione da parte di Mons. Filippo De Simone, avvenuta nel 1877, 140 anni fa.
Nella Concattedrale il Vescovo Mons. Luigi Renzo ha presieduto la messa solenne, alla presenza delle autorità del comune, con in testa il Sindaco della Città dott. Rodolico.
Commovente come sempre è stato il gesto dell’offerta del cero votivo da parte del primo cittadino, segno significativo di attaccamento e di dedizione della città alla Madonna di Romania.
Un significativo attaccamento che è stato ben evidenziato anche dal Vescovo nel corso della sua omelia, quando ha affermato che “è proprio vero che Tropea ha prepotentemente nel cuore la Madonna della Romania, la cui immagine sarebbe pervenuta dall’Oriente, da Costantinopoli, la nuova Roma. Fermandosi qui, ha aggiunto, così come ci racconta la tradizione, la Madonna ha mostrato la sua predilezione speciale per questa città, benedetta da Dio con sovrabbondanza di fascino e di bellezze ambientali e naturalistiche”.
E proprio sulla necessità di conservare e non distruggere questo dono di Dio il Vescovo Renzo è stato chiaro e a tratti anche pungente.
“Basta girare lo sguardo – ha detto – attorno a Tropea per osservare i disastri prodotti dagli incendi quest’estate e da altri tipi di malanni provocati dal cattivo uso e abuso del creato. Non possiamo chiudere gli occhi. I doni, se si accolgono, si rispettano e si amano”.
Da qui l’appello del Vescovo a favorire e formarci alla cultura del bello, ricordandoci del dovere di consegnare alle generazioni che verranno dopo di noi, un mondo un po’ migliore rispetto a come lo abbiamo ricevuto. Il Vescovo ha auspicato che tutti sappiano usare il creato con saggezza, senza abbruttirlo e che non siamo padroni, ma usufruttori di un tesoro che ci è stato affidato in custodia dal Creatore, avvalendosianche del cuore materno della Madonna, giunta a Tropea proprio dal bellissimo mare.
E parlando della Madonna, Mons. Renzo ha sottolineato la sua missione di accogliere e custodire prima il Figlio di Dio e poi noi che gli siamo stati affidati.
Richiamando poi il testo evangelico dell’annunciazione, il Vescovo ha sottolineato la fede di Maria, il suo coraggio, la sua obbedienza e umiltà, evidenziando in particolare come nella vicenda umana di questa ragazza di Nazareth si riveli a noi lo stile di Dio che non sceglie le cose ovvie e appariscenti, ma sceglie la piccolezza delle cose di tutti i giorni e predilige i poveri, gli ultimi, quelli che don Mottola definiva “i nujudumundu”.
A conclusione dell’omelia, dopo aver ricordato il suo decennale con la sua prima uscita proprio a Tropea il 9 settembre del 2007, il Vescovo ha affidato tutti alla tenerezza della Madonna, seguendo l’esempio del venerabile don Mottola, che si spera presto possa essere proclamato beato e della serva di Dio Irma Scrugli, di cui si è chiusa nei giorni scorsi l’istruttoria diocesana sulle virtù eroiche.
“Entrambi, ha affermato Mons Renzo, innamorati e devoti della Madonna di Romania possano fare da apripista anche per noi per conquistare il cielo e conseguire la nostra meta con fede e amore nel cuore”.
Al termine della messa, il sindaco di Tropea e il parroco della Concattedrale don Ignazio Toraldo hanno rivolto parole di ringraziamento per il servizio episcopale di Mons. Luigi Renzo sottolineando la sua vicinanza e la sua paterna presenza alla città e alla comunità cristiana di Tropea. Don Toraldo ha voluto poi donare al presule una croce raffigurante l’enkolpion.
Nel tardo pomeriggio, la sacra e venerata Icona della Madonna ha attraverso in processione le vie della città, alla presenza di numerosi sacerdoti provenienti dalla diocesi, delle confraternite, delle associazioni ecclesiali, delle autorità civili e militari e di migliaia di fedeli e di turisti che hanno affollato le vie della città.

Il video in HD della processione

Condividi l'articolo
Francesco Sicari
Francesco Sicari

Sacerdote della diocesi di Mileto – Nicotera – Tropea, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni