Francesco Ruffa, il pongista tropeano

Il pongista tropeano si aggiudica il “V Trofeo Città di Vibo Valentia”

Inaspettata vittoria nel torneo di consolazione

Il presidente dell'Atlantide Gregorio Curello e Francesco Ruffa

Nella giornata di domenica 28 agosto si è svolto nella cittadina ipponiana il “V Trofeo Città di Vibo Valentia”, torneo di tennistavolo organizzato dalla A.S.D. Atlantide, società pongistica del capoluogo. Alla manifestazione hanno preso parte diverse società di tennistavolo. Nella categoria maschile è stato Gregorio Curello ad imporsi, mentre in quella femminile protagonista è stata Lucia Lucibello, punta di diamante della società vibonese.
Il torneo di consolazione, che ha visto partecipare i terzi e quarti classificati nella prima parte del tabellone, ha decretato vincitore il tropeano Francesco Ruffa, esordiente nella categoria.
Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’Atlantide, Gregorio Curello: «La vittoria di Ruffa è stata una sorpresa, se pensiamo che questo ragazzo si allena con noi da appena un mese e non ha mai praticato questo sport agonisticamente. L’avevo avvisato che se si fosse allenato con costanza si sarebbe preso delle soddisfazioni, che infatti non hanno tardato ad arrivare».
Molto contento anche il protagonista che si è detto «soddisfatto per quanto conseguito, ma sicuramente non pago. Pratico il ping pong sin da piccolo» ha proseguito Ruffa «ma sempre a livello amatoriale. Da poco tempo mi sono confrontato con una realtà che mi ha subito affascinato. Questa vittoria è uno stimolo ad andare avanti ed a continuare su una strada tracciata da tempo ma mai percorsa fino in fondo. Credo che sia giunto il momento di solcarla interamente».

Condividi l'articolo
Alessandro Stella
Alessandro Stella

Scrittore, ha pubblicato i romanzi “La donna di Susa” e “Il pianto del monachello” per Pellegrini editore. Collaboratore della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.