Ha spiegato la potenza del suo braccio

Verso il Congresso eucaristico diocesano con Maria

27. Ha spiegato la potenza del suo braccio.


Meditazioni e preghiere

 

Il Congresso Eucaristico Diocesano si terrà a Mileto (VV)
nei giorni 4-7 giugno 2012

_______________

La meditazione

Lettore Dalla «Redemptoris Mater» di Giovanni Paolo II, n. 37.

La Chiesa, che pur «tra le tentazioni e le tribolazioni» non cessa di ripetere con Maria le parole del Magnificat, «si sostiene» con la potenza della verità su Dio, proclamata allora con sì straordinaria semplicità e, nello stesso tempo, con questa verità su Dio desidera illuminare le difficili e a volte intricate vie dell’esistenza terrena degli uomini.
Il cammino della Chiesa, dunque, al termine ormai del secondo Millennio cristiano, implica un rinnovato impegno nella sua missione.

Seguendo colui che disse di sé: «(Dio) mi ha mandato per annunciare ai poveri il lieto messaggio» (Lc 4,18), la Chiesa ha cercato di generazione in generazione e cerca anche oggi di compiere la stessa missione. Il suo amore di preferenza per i poveri è inscritto mirabilmente nel Magnificat di Maria.

Il Dio dell’Alleanza, cantato nell’esultanza del suo spirito dalla Vergine di Nazareth, è insieme colui che «rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili, … ricolma di beni gli affamati, e rimanda i ricchi a mani vuote, … disperde i superbi … e conserva la sua misericordia per coloro che lo temono».

Parola della Chiesa.
Rendiamo grazie a Dio.

Guida
Salve, porta unica che solo il Verbo fattosi uomo ha attraversato. Salve, ingresso divino che hai infranto le sbarre dell’Inferno e hai aperto ai credenti la strada che li porta a salvezza.

Tutti
Ave, perché per tuo tramite * ci è stato annunziato colui * che ha tolto i peccati del mondo * e lo ha redento. *  Come ti loderemo, o umile, * tu che sei tutta santa, * tu che concedi a tutti i fedeli aiuto e forza!

Preghiamo
Nelle prove della vita donaci forza, o Dio, e riempi la nostra esistenza del tuo Spirito, perché, come Maria nei momenti di difficoltà sentiamo la tua solidarietà.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

O Maria tu sola fra tutte le donne sei stata degna di esser la Madre del tuo Creatore. Tutte le nazioni ti chiamano beata. O Maria, s'io metto la mia confidenza in te, sarò salvo: se io sarò sotto la tua protezione, nulla ho a temere (S. Alfonso).

 

Condividi l'articolo