I chiodi e la pazienza

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

162a-chiodiI chiodi e la pazienza.

Ognuno di noi si porta il suo carattere e con quello deve fare quotidianamente i conti. Coltivare le vrtù significa dare correzioni continue al proprio carattere: nessuno può dire “Io sono fatto così e non ci posso fare niente!” – Si può sempre migliorare… Ma occorre allenarsi ogni giorno. – Questa storia gira come “educational” nel mondo scolastico.

C’era una volta un ragazzo con un brutto carattere. Suo padre gli diede un sacchetto di chiodi e gli disse di piantarne uno nello steccato del giardino ogni volta che avesse perso la pazienza e litigato con qualcuno.
Il primo giorno il ragazzo piantò 37 chiodi nello steccato. Nelle settimane seguenti, imparò a controllarsi e il numero di chiodi piantati nello steccato diminuì giorno per giorno: aveva scoperto che era più ‘ facile controllarsi che piantare i chiodi.
Finalmente arrivò un giorno in cui il ragazzo non piantò nessun chiodo nello steccato. Allora andò dal padre e gli disse che per quel giorno non aveva piantato alcun chiodo. Il padre allora gli disse di levare un chiodo dallo steccato per ogni giorno in cui non aveva perso la pazienza e litigato con qualcuno.
I giorni passarono e finalmente il ragazzo potè dire al padre che aveva levato tutti i chiodi dallo steccato. Il padre portò il ragazzo davanti allo steccato e gli disse: “Figlio mio, ti sei comportato bene, ma guarda quanti buchi ci sono nello steccato. Lo steccato non sarà mai più come prima. Quando litighi con qualcuno e gli dici qualcosa di brutto, gli lasci una ferita come queste. Puoi piantare un coltello in un uomo, e poi levarlo, ma rimarrà sempre una ferita; non importa quante volte ti scuserai, la ferita rimarrà. E una ferita verbale fa male quanto una fisica.
Ricordati poi che gli amici sono gioielli rari, ti fanno sorridere e ti incoraggiano. Sono pronti ad ascoltarti quando ne hai bisogno, ti sostengono e ti aprono il loro cuore”.

Questa storia propone un "esercizio": piantare un chiodo ogni volta che si perde la pazienza o si litiga con qualcuno... Alle fine, dopo averne piantati tanti di chiodi forse anche noi ci troveremo a non piantarne più... Ma... attenzione! poi, restano le ferite!
Questa storia propone un “esercizio”: piantare un chiodo ogni volta che si perde la pazienza o si litiga con qualcuno… Alle fine, dopo averne piantati tanti di chiodi forse anche noi ci troveremo a non piantarne più… Ma… attenzione! poi, restano le ferite!
Condividi l'articolo