I giovani drapiesi progettano il futuro

Incontri tra i giovani per parlare del territorio

A Brattirò per parlare della creazione di una Pro-loco

Creare un forum per discutere circa i problemi e il futuro del territorio drapiese. Con questo obiettivo, animati da passione e amore per il luogo natio, un gruppo di giovani provenienti da tutte le quattro frazioni del comune (Drapia, Caria, Gasponi e Brattirò) hanno deciso il mese scorso di iniziare ad incontrarsi in luoghi aperti al pubblico. Durante questi dibattiti, sono stati affrontati diversi temi in un clima solidale, libero e costruttivo. I convenuti si sono confrontati, chiedendosi, in particolare, cosa possono fare e quale contributo possono apportare per la risoluzione dei numerosi problemi del circondario e per promuovere lo sviluppo turistico del territorio attraverso fattibili ed originali proposte. Un importante risultato cui sono pervenuti riguarda l’impellenza di creare un’associazione, legalmente riconosciuta ed apolitica senza fini di lucro, attraverso la quale dare seguito e concretezza ai loro obiettivi. Questo tema verrà nuovamente ed ampiamente discusso in un incontro pubblico domenica prossima alle 19 presso i locali dell’ex scuola media di Brattirò. Un “comitato promotore”, composto da una rappresentanza di questi ragazzi, esporrà ai presenti le modalità con cui si intende procedere per creare tale sodalizio. Gli undici componenti dell’organismo, nato spontaneamente, sono i seguenti: Tania Ruffa, Ivan Vita, Francesco Pugliese, Mario Vallone, Pasquale Costa, Francesco Loiacono, Elisa Rombolà, Matteo Aiello, Domenico Aiello, Nancy Riso, e Gerry Rombolà. Chiunque potrà intervenire alla riunione per esprimere la propria opinione, accordo e/o dissenso. I promotori di questa iniziativa si aspettano una massiccia partecipazione soprattutto da parte dei giovani del territorio. Che sia questa la volta buona, dopo i vani tentativi degli scorsi anni, per costituire la Pro-loco anche nel comune di Drapia? Staremo a vedere. Per ora gli auspici ci sono tutti.

Condividi l'articolo