I primi obiettivi dell’Asalt

Presenti alle fiere del turismo del mondo

L’associazione albergatori pronta per la sfida

L'hotel Virgilio

Con la stagione turistica alle porte, l’Associazione degli albergatori di Tropea (Asalt) tira le somme sui primi interventi in programma. Il sodalizio, costituitosi al termine della passata stagione estiva, può contare oggi su oltre venti strutture ricettive disseminate sul territorio cittadino ed è retto da un comitato di quattro soci. Presto, fanno sapere però dall’Asalt, giungeranno le nomine del direttivo, che dovrebbe essere costituito entro la fine del 2011. Intanto, nei giorni scorsi, tutti gli albergatori aderenti si sono riuniti nella sala della giunta del comune di Tropea. In quell’occasione sono stati portati a conoscenza dei soci i primi obiettivi raggiunti e sono state rese note le attività svolte dall’associazione dal mese di settembre 2010 ad oggi.
L’Asalt si è data innanzitutto uno statuto ed ha depositato l’atto costitutivo. Inoltre ha garantito la propria presenza su internet, con la pubblicazione di una pagina online in questi giorni. Passando alle azioni intraprese per pubblicizzare l’offerta turistica della città sul territorio nazionale, europeo e mondiale, l’Asalt ha partecipato con la propria brochure alla Borsa internazionale del turismo (Bit) di Milano, alla Fiera mondiale del viaggio e del turismo (Itb) di Berlino, e alla Moscow International Travel & Tourism (Mitt) in Russia. L’associazione ha inoltre stipulato interessanti accordi con alcuni fornitori di prodotti alimentari, di detersivi e con le lavanderie, per garantire la qualità dei servizi e al contempo mantenere la stabilità dei prezzi. Questa azione sarà importantissima per riuscire a migliorare il livello qualitativo della ricettività alberghiera e contenere i prezzi e quindi risultare competitivi in campo internazionale.
Dal punto di vista politico, invece, il comitato ha fatto sapere che sarà inoltrata un’istanza alla Provincia di Vibo Valentia per ottenere l’autorizzazione ad installare lungo le vie della città dei totem stradali, riportanti le indicazioni degli alberghi aderenti all’Asalt. In campo comunale, invece, si attende il responso del Consiglio di Stato, che potrebbe accogliere l’istanza dei ricorrenti e riconfermare l’amministrazione in carica, rifiutarla e quindi far rivotare in due sezioni, per come stabilito dal Tribunale amministrativo regionale della Calabria (Tar), o infine entrare in merito e pronunciarsi (e in tal caso non è escluso neppure il ribaltone auspicato dal controricorso avanzato dalla lista che ha vinto al Tar).
Non appena si otterrà la decisione definitiva, l’Asalt affronterà con gli amministratori il problema delle frecce stradali, che rappresenta una vecchia questione mai risolta con i rappresentanti del Comune.
La categoria degli albergatori, quindi, trova nell’Asalt non soltanto un semplice organo di rappresentanza, ma anche un vero e proprio attore politico in grado di veicolare l’immagine del territorio su palcoscenici nazionali e internazionali, di proporre vere e proprie strategie di marketing e, soprattutto, di dare una linea programmatica unitaria ai soci aderenti, che da soli offrono un totale di circa millecinquecento posti letto a Tropea.

 

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.