I “Si” sui monumenti di Tropea

I referendari attaccano manifesti per il sì sui monumenti cittadini

Chi vota sì è favorevole all’abrogazione degli articoli di legge sottoposti a referendum

Il monumento ai caduti di piazza Vittorio Veneto e la Statua del Filosofo Pasquale Galluppi sono stati adornati di manifesti che invitano a votare per il sì ai Referendum del 12 e 13 Giugno. I quesiti riguardano la privatizzazione del servizio idrico, il nucleare e il legittimo impedimento a presentarsi all’udienza penale da parte del presidente del consiglio e dei ministri della Repubblica.
Chi vota sì è favorevole all’abrogazione degli articoli di legge sottoposti a referendum chi vota no si esprime per il loro mantenimento in vigore, chi non va a votare fa decidere gli elettori che si presenteranno alle urne.
La consultazione sarà valida se si presenteranno alle urne il 50% più uno degli elettori aventi diritto. Il quorum è a portata di mano. Se anche le condizioni atmosferiche sconsiglieranno agli italiani di andare al mare probabilmente si impedirà la privatizzazione del servizio idrico, e l’impianto di centrali nucleari sul suolo italico. Infine la legge, a differenza di quanto accadeva ai maiali nella Fattoria degli animali di Orwell, sarà più uguale per tutti: anche per i presunti potenti.

Condividi l'articolo