Il frate che curava tutti

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

060a-Tibhirine

Il frate che curava tutti.

Da alcuni giorni è sono state pubblicate Le meditazioni di un monaco di Tibhirine, Fratel Luc Dochier, uno dei sette monaci cistercensi di origine francese che vivevano in armonia con i loro fratelli musulmani a Tibhirine, villaggio isolato tra i monti dell’Algeria e furono uccisi nel 1996. Era il medico di tutti, dei corpi e delle anime. Le sue meditazioni aiutano a capire come si può offrire la propria vita per i fratelli.!

Quando Fratel Luc Dochier fu ucciso insieme agli altri sei confratelli aveva 82 anni, monaco dal 1941, in Algeria dal 1947. Era diventato il medico di tutti. Scriveva nel suo diario, ora diventato il memoriale di Tibhirine: «Mio Dio, che hai permesso che io sia un medico, ti prego per tutti coloro che, per stanchezza, egoismo o vigliaccheria, non ho aiutato».
Eppure in certe giornate Fratel Luc arrivava a fare anche più di cento visite nel suo piccolo ambulatorio sorto accanto al monastero di Notre Dame de l’Atlas.
Di corpi e di anime fratel Luc ne ha curati tanti, di ogni razza e credo religioso: un monaco e un uomo. Solo un monaco, un innamorato di Dio, poteva trarre da oltre quarant’anni trascorsi nel monastero di Tibhirine la forza per affrontare la fatica, la solitudine, a volte l’incomprensione di una vita completamente spesa per i fratelli.
Quando nella regione arrivò la violenza e il terrore integralista della guerra civile, i monaci si ritrovano davanti ad un bivio: decidere se rimanere o ritornare in Francia. Nonostante anche l’invito delle autorità ad andarsene, i monaci decisero di restare al loro posto pur di aiutare la popolazione locale, mettendo così in grave pericolo la loro stessa vita per amore di Cristo.
Il loro sangue, come quello che l’Isis sta spargendo in questi giorni, sarà sme di nuovi cristiani, che nel martirio dei loro benefattori comprenderanno quanto vicino è l’amore di Dio per l’umanità.
(cf. Osservatore Romano, 24 febbraio 2015)

La Comunità di Tibhirine , il monastero di Notre Dame de l’Atlas accanto al quale era sorto il iccolo ambulatorio e i sette monaci cisterciensi uccisi.
La Comunità di Tibhirine , il monastero di Notre Dame de l’Atlas accanto al quale era sorto il piccolo ambulatorio e i sette monaci cistercensi uccisi.
Condividi l'articolo