“Il governo Renzi ha fallito nella gestione della sanità calabrese”

Il governatore Mario Oliverio, dichiarò che “se fallisce Scura, fallisce il governo”

“Un silenzio assoluto, frutto di un allineamento di potere dei rappresentanti calabresi di ogni colore e parrocchia

Dalila Nesci Cittadina 5 stelle - vicepresidente della commissione delle Politiche Ue . Commissione di Vigilanza Rai - foto Libertino
Dalila Nesci Cittadina 5 stelle – vicepresidente della commissione delle Politiche Ue – Commissione di Vigilanza Rai – foto Libertino
«L’interrogazione con cui il segretario regionale e deputato Pd Ernesto Magorno ha chiesto coi sodali di partito la revoca dell’incarico commissariale per Massimo Scura è tardiva e non ha nulla da fare con la difesa dei diritti dei calabresi». Lo dichiara la parlamentare M5s Dalila Nesci, che ricorda: «Il 14 settembre scorso il sottosegretario Luca Lotti venne a Lamezia Terme e, nel tentativo di mediare tra il commissario alla sanità e il governatore Mario Oliverio, dichiarò che “se fallisce Scura, fallisce il governo”. Seguendo la logica di Lotti, dobbiamo allora ricavarne un dato politico: il governo Renzi ha fallito nella gestione della sanità calabrese, in quanto a scoppio ritardato Scura è contestato pure da un Pd che ha dormito per un anno; a partire dal presidente della Regione, che ha la responsabilità di non aver mai voluto presentare un nuovo programma operativo, atto formale col quale la Calabria riavrebbe per legge tutte le competenze in materia sanitaria». «Per un anno – incalza la deputata 5 stelle – c’è stato il silenzio assoluto, frutto di un allineamento di potere dei rappresentanti calabresi di ogni colore e parrocchia. I commissari Scura e Urbani hanno potuto fare i loro comodi, calpestando perfino sentenze definitive della magistratura, come per l’obbligo di riattivare gli ospedali di Praia a Mare e Trebisacce, di cui se ne sono beatamente fottuti». «Oliverio ha pensato soltanto a nominare suoi amici in violazione di legge e a recitare la parte dell’indignato, mentre – continua l’esponente M5s – noi facevamo interrogazioni conseguenti, esposti in procura e al governo chiedevamo la revoca dei due commissari abusivi, incaricati fuori legge poiché dal 2013 la sanità doveva tornare alla Regione Calabria per la prosecuzione del piano di rientro». «Che oggi – conclude Nesci – Magorno e cordata vogliano la revoca per Scura è un teatrino che nasconde il desiderio di avere soggetti più malleabili di lui e di Urbani alla guida della struttura commissariale. Rammento la colpevole indifferenza del segretario regionale del Pd e del governatore della Calabria, quando il 5 ottobre scorso tenemmo, a Catanzaro, un’iniziativa specifica per cacciare i due commissari, dal titolo “Mandiamoli a casa adesso”».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.