Il pellegrinaggio a Roma dal Papa: un sogno che è diventato realtà

Una testimonianza di affetto al Santo Padre

La comunità della Cattedrale di Tropea ha vissuto una ricca esperienza bella e stimolanti

L’incontro con il Papa Francesco
Il pellegrinaggio a Roma dal Papa: un sogno che è diventato realtà

In occasione dell’incontro di Papa Francesco con il Movimento di Comunione e Liberazione, a dieci anni dalla morte del suo fondatore don Giussani e del 60° anniversario della nascita del movimento, anche la comunità della Cattedrale di Tropea che fa riferimento a tale carisma ecclesiale in varie sue attività, è voluta essere presente a testimoniare il suo affetto al Santo Padre. Così giorno 7 marzo u.s. gli utenti del Centro di Solidarietà don Mottola, accompagnati dai genitori, dai responsabili e dagli operatori, insieme ad altri adulti e giovani, erano presenti in Piazza S. Pietro.
Anche questa volta l’associazione che si occupa dell’inserimento dei disabili ha scritto un’altra pagina della sua storia ricca di esperienze belle e stimolanti e ciò grazie anche all’aiuto della Sig.ra Eleonora Caputo che ha fornito il necessario supporto logistico e di mobilità.
“Nella gremitissima Piazza San Pietro – dice uno dei genitori accompagnatori dei ragazzi disabili – abbiamo così vissuto questo momento con intensa e felice emozione; ai saluti festosi e al coro della folla che a gran voce chiamava Francesco si sono uniti tutti i nostri ragazzi che finalmente hanno visto tramutarsi in realtà un bellissimo sogno. La gioia che il Santo Padre ha trasmesso loro è stata commovente, contagiosa ed indescrivibile perché solo da testimoni oculari si può cogliere la genuinità di sentimenti che nascono da un cuore puro e speciale. L’incontro con Francesco ha coinvolto pienamente anche noi genitori, operatori e volontari; tutti siamo stati profondamente colpiti dalle parole del Papa, Gesù è come il fiore di mandorlo che fiorisce per primo e annuncia la primavera, Lui ci precede e ci aspetta, e noi siamo convinti che nella meravigliosa realtà del nostro centro Gesù è entrato prima di noi, ci ha aspettato e quando siamo entrati insieme ai nostri ragazzi ha aperto le sue braccia. Un altro momento di grande emozione è stato assistere, il giorno successivo, alla Santa Messa celebrata alla Cattedra di San Pietro, dopo aver sostato in preghiera davanti alle tombe di S. Giovanni Paolo II e S. Giovanni XXIII. Ci siamo, quindi, ritrovati tutti per l’Angelus del Papa, accolto come sempre dagli applausi calorosi dell’intera piazza. Una passeggiata per le vie del centro storico ha offerto l’opportunità di posare per splendide foto ricordo con gli sfondi meravigliosi delle belle opere artistiche e storiche di Roma. L’allegra compagnia, la musica e i bei canti hanno chiuso splendidamente un’esperienza che lascerà nei nostri ragazzi e in tutti noi ricordi bellissimi ed indelebili. Grazie di cuore alle persone che si sono prodigate per la buona riuscita di un viaggio indimenticabile”.

Condividi l'articolo
Caterina Sorbilli
Caterina Sorbilli

Docente nelle scuole del I ciclo, collaboratrice storica di Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritta all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.