Il suo corpo piantato tra gli alberi

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

“Il suo corpo piantato tra gli alberi”.

238a-DoorthyDopo la catechesi del  16 settembre di Papa Francesco sulla donna, è doveroso riscoprire storie e gesti con cui le donne “santificano” la famiglia e la società. Ecco la breve e significativa storia di una grande donna: suor Dorothy Stang, uccisa 10 anni fa in Amazzonia, perché lottava per il diritto alla terra dei contadini.

 

Dorothy Stang, conosciuta da tutti come Irmã Dorote (sorella Dorote ), 1931-2005, era una religiosa e missionaria brasiliana di origine statunitense, appartenente alla congregazione delle Suore di Nostra Signora di Namur.
♦ Nel 1966 arrivò in Brasile, iniziando il suo ministero pastorale nello Stato del Maranhão. Si è, inoltre, impegnata intensamente, nei movimenti sociali anche nello Stato del Parà, occupandosi contro il disboscamento dell’Amazzonia, sempre al fianco dei contadini e degli operai della Transamazzonica.
È morta assassinata nel 2005 con sei colpi di pistola che le sono stati esplosi contro mentre si trovava nella città di Anapu, nello Stato brasiliano del Parà.
♦ Infatti, il 12 febbraio di dieci anni fa suor Dorothy Stang, 73 anni, statunitense di nascita, brasiliana di adozione, camminava verso la comunità La Esperança, a 53 chilometri da Anapu, nello Stato del Para.
Erano circa le 7,30 di un sabato piovoso quando la religiosa di Nostra Signora di Namur venne avvicinata da Rayfran das Neves Sales e Clodoaldo Carlos Batista. Per suor Dorothy sarà l’ultimo incontro.
Rayfran chiese alla suora se avesse un’arma. Lei estrasse la Bibbia e lesse le “Beatitudini”.
«Dio vi benedica, figli miei», augurò loro e riprese il cammino. In quell’istante, la raggiunse il primo dei sei proiettili.
Dom Erwin Krauter, vescovo di Xingu, disse ai suoi funerali: «Dorothy ha dato letteralmente il suo sangue per i poveri dell’Amazzonia. Io preferisco dire che il suo corpo è stato “piantato” là, proprio tra gli alberi, che lei difendeva. Il ricordo della sua azione resterà vivo».

Dorothy Stang, 73 anni, statunitense di nascita, brasiliana di adozione, uccisa in Amazzonia perché lottava per il diritto alla terra dei contadini: "Il suo corpo è stato “piantato” là, proprio tra gli alberi, che lei difendeva. Il ricordo della sua azione resterà vivo".
Dorothy Stang, 73 anni, statunitense di nascita, brasiliana di adozione, uccisa in Amazzonia perché lottava per il diritto alla terra dei contadini: “Il suo corpo è stato “piantato” là, proprio tra gli alberi, che lei difendeva. Il ricordo della sua azione resterà vivo”.

Condividi l'articolo