Il vecchio che adorava il sole

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Il vecchio che adorava il sole.

La vera sfida che l’umanità ha avuto nella sua storia, che dura ancora oggi e durerà anche domani è come armonizzare le tante diversità di fedi, di culture, di razze ecc… Come si dovrebbe arrivare all’unità, conservando le proprie diversità? Questione non facile, che cammina sempre sul filo del rasoio, pronta ad esplodere in violenze insensate, fatte, per giunta, anche in nome di Dio.
– Ebbene, Dio è amore (1Gv 4,8) e tutti quelli che parlano la lingua dell’amore e praticano l’amore riusciranno a comunicare con Lui e tra di loro. Ma se invece dell’amore si vuole praticare una qualunque forma di predominio sull’altro, allora le diversità diventeranno un ostacolo insormontabile. – Papa Francesco sta cercando il dialogo dell’amore col mondo e le sue diversità, anche se tanti pretenderebbero l’affermazione della ortodossia prima di tutto e ad ogni costo! – Ecco una preziosa storia sapienziale.

Una volta Abraham era seduto davanti alla sua tenda, godendosi il pomeriggio.
♦ Un uomo vecchio, forse centenario, venne da lui, appoggiandosi ad un bastone.
Abraham lo accolse gentilmente. Gli lavò i piedi e gli offrì la cena.
♦ Prima di mangiare, Abraham notò che l’uomo non invocava Dio. Allora gli chiese: “Tu adori Yahweh, il vero Dio?”
– “Io adoro il sole – rispose il vecchio – E’ lui il mio Dio”.
♦ Abraham si arrabbiò e cacciò l’uomo fuori dalla sua tenda.
Poco dopo, Dio chiamò Abraham e gli chiese perché avesse mandato via lo straniero.
– “Egli non adora il Signore!”, rispose Abraham.
Dio gli disse: “Abraham, ho sopportato quest’uomo per cento anni, anche se mi negava, e tu non lo hai sopportato per un’ora?”
♥ Abraham, imbarazzato, corse dietro al vecchio, si scusò e lo accolse di nuovo.

L’amore è universale. Ci unisce tutti, indipendentemente dalle religioni, dai partiti politici, dall’età, dalla razza, dal colore, ecc.
Noi non adoriamo il sole, ma accogliamo coloro che lo adorano. Così imitiamo il nostro Padre celeste, che manda il sole e la pioggia sopra di tutti (cfr Mt 5:45).
♥ Preghiamo Maria, la Madre del bell’amore, di aiutarci ad amare tutti, superando ogni diversità.

(Fonte: Historinhas do Padre Queiroz, redentorista brasiliano).

Dio è amore (1Gv 4,8) e tutti quelli che parlano la lingua dell’amore e praticano l’amore riusciranno a comunicare con Lui e tra di loro. Ma se invece dell’amore si vuole praticare una qualunque forma di predominio sull’altro, allora le diversità saranno un ostacolo insormontabile. La “ortodossia” non dispensa nessuno dall’amare gli altri, anche se diversi per religione, cultura e razza.

Condividi l'articolo