In Piazza San Pietro la benedizione degli animali

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

In Piazza San Pietro la benedizione degli animali.

Mentre la terra trema ancora nel Centro Italia e molti animali neo-nati non reggono al rigore del freddo polare di questi giorni, il 17 gennaio, in Piazza San Pietro, c’è stata la tradizionale benedizione degli animali, in occasione della festa di Sant’Antonio Abate. A portare gli animali nella Capitale l’Associazione italiana allevatori e la Coldiretti. A celebrare la funzione il cardinale Angelo Comastri, vicario generale del Papa per la città del Vaticano. Un messaggio di gioia e speranza da questo festoso incontro.

♦ Alle 10.30 del 17 gennaio, nella Basilica di San Pietro, il card. Comastri ha celebrato la messa al termine della quale, dopo la sfilata di cavalli e cavalieri, c’è stata la solenne benedizione degli animali. Il vicario del Papa ha anche visitato gli stand della «fattoria» voluta per il sesto anno dall’Aia (Associazione italiana Allevatori), che ha anche messo a disposizione della cittadinanza i propri veterinari per checK-up gratuiti degli animali da compagnia.
♦ Una piccola fattoria in Piazza S. Pietro, una stalla all’aperto, con numerose razze bovine, pecore, vitelli, conigli, galline, muli, maiali, cavalli di origine italiana. Ma nelle fattorie d’Italia è vero e proprio allarme, dal momento che sono scomparsi due milioni di animali tra mucche, maiali e pecore con il pericolo di estinzione per le razze storiche e lo spopolamento delle aree interne e montane.
La benedizione degli animali avviene, per tradizione, nel giorno di Sant’Antono abate, il loro protettore, in particolare dei maiali ma sembra che sia una tradizione nata nel Medioevo in terra tedesca, quando era consuetudine che ogni villaggio allevasse un maiale destinato all’ospedale, dove svolgevano il loro servizio i monaci di sant’Antonio (considerato l’iniziatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati).
Il cardinale ha concluso incoraggiando tutti a conservare puliti i rapporti con la natura e col mondo degli animali.

Una piccola fattoria in Piazza S. Pietro con numerose razze bovine, pecore, vitelli, conigli, galline, muli, maiali, cavalli di origine italiana. Dopo la messa celebrata in Basilica, il cardinale Comastri ha dato la tradizionale benedizione agli animali in occasione della festa di S. Antonio Abate.
Condividi l'articolo