Irresponsabile blocco delle 600 assunzioni

“Con giochi di potere si possano rinviare le assunzioni già decretate”

Denunciato l’immobilismo del governatore della Calabria, Oliverio

Dalila Nesci, Mario Oliverio – foto Libertino
«Sull’irresponsabile blocco delle 600 assunzioni di personale sanitario ho denunciato l’immobilismo del governatore della Calabria, Mario Oliverio, in un esposto alle Procure di Catanzaro, di Roma e della Corte dei conti, essendo inaccettabile la sceneggiata di palazzo contro l’applicazione del decreto commissariale che avvia le procedure per coprire posti vacanti negli ospedali calabresi».
Lo annuncia in una nota la deputata M5s Dalila Nesci, alla Camera capogruppo M5s in commissione Sanità. Nell’esposto – per conoscenza trasmesso anche al commissario governativo Massimo Scura, alla parlamentare europea Laura Ferrara (M5s) e alla commissione speciale di Vigilanza in seno al Consiglio regionale – la parlamentare ha scritto: «Non si comprende il motivo per cui le precisate assunzioni debbano essere ostacolate, essendo invece necessarie e peraltro ancora in numero insufficiente a garantire la normativa in vigore sui turni e i riposi obbligatori.
Ieri, 5 aprile 2017, la scrivente parlamentare ha ribadito al governatore Oliverio, nel palazzo della Camera dei Deputati, la necessità di un suo immediato intervento, avvertendolo che, stante l’urgenza del caso, avrebbe investito la magistratura in caso di perdurante indifferenza». Nell’esposto la parlamentare 5 stelle ha precisato di temere «che con giochi di potere si possano rinviare le assunzioni già decretate, magari col ricorso a tecnicismi giuridici che non trovano riscontro alcuno nella prassi finora seguita dagli organismi interessati».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.