“La Cardiochirurgia delle frottole, l’audace colpo”

Nesci e Parentela illustreranno alla stampa fatti di gravità inaudita

“Il governo Renzi copre Scura e Urbani, mentendo al parlamento nazionale e ai cittadini”

Deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela- foto Libertino
Deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela- foto Libertino
«La Cardiochirurgia delle frottole, l’audace colpo dei soliti ignoti e i commissari abusivi che spernacchiano il Consiglio regionale». Questo il titolo della conferenza con cui i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela illustreranno alla stampa, alle ore 10:30 di venerdì 5 agosto, presso la “Sala dei Concerti” del Comune di Catanzaro, tre esposti al procuratore Nicola Gratteri su «fatti di gravità inaudita – spiegano – circa la gestione della sanità calabrese». All’iniziativa parteciperà anche il consulente Gianluigi Scaffidi.
«Carte alla mano – proseguono i due parlamentari 5 stelle – dimostreremo che i commissari Massimo Scura e Andrea Urbani non possono più restare al loro posto, prendendo 400 mila euro all’anno per calpestare la potestà legislativa del parlamento regionale, per aiutare il policlinico universitario a nascondere le pesanti illegalità e i rischi certificati nella Cardiochirurgia e per non dare risposte pubbliche sul gravissimo falso materiale in merito alla costituzione della Regione Calabria contro i Comuni che hanno impugnato la rete ospedaliera, prodotto all’interno della struttura commissariale». «Tramite documenti ufficiali – concludono Nesci e Parentela – proveremo che il governo Renzi copre Scura e Urbani, mentendo al parlamento nazionale e ai cittadini.
Come spesso succede in Italia, sarà la magistratura a risolvere, perché le istituzioni politiche si sono rivelate sorde, cieche e mute, dunque conniventi col malaffare».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino
Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.