La conoscenza per esperienza

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

La conoscenza
per esperienza.

Guardare una mela non è lo stesso che mangiare una mela… Provare per credere… Le parole, per quanto attraenti, non sostituiranno mai la conoscenza diretta della realtà e anche delle persone. Però molti sembrano accontentarsi di una conoscenza “ascoltata attraverso le parole”. – Per la conoscenza della fede bisogna osare di più: avere il coraggio fare esperienza di ciò che si ascolta dagli altri (catechista, prete ecc.), e bisogna farlo con umiltà e perseveranza, sapendo che è in gioco la propria esistenza, il proprio futuro. – Ma attenzione a chi si ascolta e a cosa viene proposto, alla pubblicità occulta e alla manipolazione: il pericolo è sempre in agguato.

♦ Una volta, un uomo decise di conoscere il grande fiume Rio delle Amazzoni.
Si addentrò nei meandri del fiume, camminò attraverso le foreste, vide ogni specie di animali, i laghetti, la gente della costa, i pesci che saltavano fuori dell’acqua … Dalla foce fino alla sorgente del grande fiume. Poi tornò alla sua piccola città.
♦ Le persone erano in ansiosa attesa di sapere tutto sul Rio delle Amazzoni.
Ma… con quali termini avrebbe potuto esprimere tutte le sensazioni che inondarono il suo cuore quando vide nelle foreste fiori di bellezza e di profumi indicibili? Quando durante la notte sentiva i suoni della giungla? Come dire le sue paure e le ansie per la minaccia degli animali selvatici e del fiume che navigava su una fragile canoa?
♦ Così l’uomo preparò loro una mappa del Rio delle Amazzoni, chiedendo a tutti di fare la stessa sua esperienza. La mappa segnava le cascate, gli affluenti, i limpidi torrenti, le foreste …
◊ Ma le persone presero la mappa e fecero delle copie per chiunque fosse interessato a conoscere il Rio delle Amazzoni. Con questo essi pensavano già di conoscere il grande fiume.
E il povero esploratore, un un giorno, si pentì di avere dato loro quella mappa, perché, di fatto, nessuno andò a conoscere il grande Rio delle Amazzoni.

  Ad una persona che non ha mai assaggiato una mela, non aiuta il descrivere il suo gusto. Deve mangiarla.
  Lo stesso vale per la fede cristiana e l’esperienza di Dio. Dobbiamo avere il coraggio di rischiare e di entrare in questo meraviglioso fiume, e conoscerlo così com’è.

Guardare una mela non è lo stesso che mangiare una mela… Provare per credere… Le parole, per quanto attraenti, non sostituiranno mai la conoscenza diretta della realtà e anche delle persone. Però molti sembrano accontentarsi di una conoscenza “ascoltata attraverso le parole”. – Per la conoscenza della fede bisogna osare di più: avere il coraggio fare esperienza di ciò che si ascolta dagli altri (catechista, prete ecc.), e bisogna farlo con umiltà e perseveranza, sapendo che è in gioco la propria esistenza, il proprio futuro.
Condividi l'articolo