La coronazione di spine

Verso il Congresso eucaristico diocesano con Maria

14. La coronazione di spine


Meditazioni e preghiere

 

Il Congresso Eucaristico Diocesano si terrà a Mileto (VV)
nei giorni 4-7 giugno 2012

_______________

La meditazione

Lettore – Dalla Enciclica «Deus caritas est» di Benedetto XVI, n. 39.
Fede, speranza e carità vanno insieme. La speranza si articola praticamente nella virtù della pazienza, che non vien meno nel bene neanche di fronte all’apparente insuccesso, ed in quella dell’umiltà, che accetta il mistero di Dio e si fida di Lui anche nell’oscurità.
La fede ci mostra il Dio che ha dato il suo Figlio per noi e suscita così in noi la vittoriosa certezza che è proprio vero: Dio è amore! In questo modo essa trasforma la nostra impazienza e i nostri dubbi nella sicura speranza che Dio tiene il mondo nelle sue mani e che nonostante ogni oscurità Egli vince, come mediante le sue immagini sconvolgenti alla fine l’Apocalisse mostra in modo radioso.
La fede, che prende coscienza dell’amore di Dio rivelatosi nel cuore trafitto di Gesù sulla croce, suscita a sua volta l’amore. Esso è la luce in fondo l’unica che rischiara sempre di nuovo un mondo buio e ci dà il coraggio di vivere e di agire. L’amore è possibile, e noi siamo in grado di praticarlo perché creati ad immagine di Dio. Vivere l’amore e in questo modo far entrare la luce di Dio nel mondo, ecco ciò a cui vorrei invitare con la presente Enciclica.
Parola della Chiesa.
Rendiamo grazie a Dio.

La preghiera

Guida
Ave, o tralcio di santo Germoglio; ave, o ramo di Frutto illibato. Ave, coltivi il divino Cultore; ave, dai vita all’Autor della vita.

Tutti
Ave, tu campo che frutti ricchissime grazie; * ave, tu mensa che porti pienezza di doni. * Ave, un pascolo ameno tu fai germogliare; * ave, un pronto rifugio prepari ai fedeli. * Ave, di suppliche incenso gradito; ave, perdono soave del mondo. * Ave, clemenza di Dio verso l’uomo; ave, fiducia dell’uomo con Dio.

Preghiamo

Vergine Maria, che ai piedi della croce raccogliesti il testamento d’amore del tuo Figlio crocifisso, aiutaci a vivere ed a comprendere pienamente la nostra appartenenza alla Chiesa per portare al mondo d’oggi, con la parola e la testimonianza, l’annunzio che solo in Cristo c’è salvezza piena, vita eterna e gioia senza fine.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Madre dolcissima, tu sei così potente presso Dio, basta dire che sei la madre sua, la creatura a lui più cara, piena della sua grazia: cosa mai egli ti potrà negare? (S. Alfonso).
Condividi l'articolo