Tropea ammalia Flavio ed Ely

Da giorni il sontuoso yatch ormeggiato al largo della città

I futuri sposi ricevono gli amministratori locali e poi tutti a cena da Cecè

Sembrava di vivere in un sogno da cui ancora dobbiamo svegliarci. E’ un coro unico di commenti, quello del sindaco di Tropea, Antonio Euticchio, e degli assessori, Pasquale Vasinton, Nino Valeri e Michele Accorinti che, ieri mattina, sono stati ricevuti da Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci, a bordo del loro sontuoso yacth, parcheggiato, da due giorni, di fronte l’Isola Bella. L’obiettivo era quello di fare omaggio alla coppia che torna nella “Perla del Tirreno”, da un anno all’altro. Giunti sul lussuosissimo natante, sono stati accolti dalla futura coppia di sposini in un’atmosfera del tutto informale. Lei, ovviamente molto bella, elegantemente sobria, vestita in gonna lunga a fiori con camicia verde, lui, in tenuta casual da barca, indossava pantaloncini e maglietta blu scuro. Subito lo scambio di doni. Per la futura signora Briatore un omaggio floreale, mentre, per il padrone di casa, non poteva mancare, una scultura in terracotta, dove è stata incisa l’immagine della città, e alcuni libri di storia locale. Si è parlato un po’ di tutto. Dalle bellezze della cittadina, capitale del turismo calabrese, che vista dal mare regala un’immagine di sè, esageratamente, suggestiva per passare al mare cristallino che fa venire voglia di tuffarsi. Poi, visita guidata alla scoperta del loro fantastico regno. Lo yacth, Force Blue, le cui iniziali riprendono quelle del padrone di casa, è lungo oltre 63 metri., con un interno di ben 1000 metri quadrati, su quattro piani attraversati da un panoramico ascensore. L’eleganza, ovviamente, la fa da padrona. Prima tappa, il salone arredato per ospitare oltre 80 persone, da trasformarsi, per l’occasione, in una splendida discoteca. Poi, si è passati alla sala cinema con poltrone d’aereo di classe business. Tutto rigorosamente arredato in tinte naturali, dal beige all’azzurro del mare. Tra i quadri esposti alle pareti, un omaggio alla Calabria, con le opere di Mimmo Rotella. Ovviamente, non è mancata la capatina al centro benessere dove, naturalmente, c’è di tutto. Per la sala motori, la Gregoraci si è ritirata, lasciando la parola ai soli uomini, che a fine tragitto, sono, anche, passati per il saluto del comandante di bordo. Dopo un’ora e mezza di chiacchiere, l’arrivederci a più tardi. I futuri sposi, che convoleranno a nozze il prossimo 14 giugno, hanno trascorso la serata in compagnia dell’amministrazione comunale. A spasso lungo le vie cittadine, hanno voluto conoscere i palazzi storici di Tropea. Quindi, hanno fatto visita alla sala dell’antico parlamento cittadino e alle ore 20 sono giunti in Municipio. La serata si è conclusa con una cena ristretta, ospiti dell’amministrazione, in un ristorante del centro storico.

Condividi l'articolo