La flagellazione di Gesù

Verso il Congresso eucaristico diocesano con Maria

13. La flagellazione di Gesù


Meditazioni e preghiere

 

Il Congresso Eucaristico Diocesano si terrà a Mileto (VV)
nei giorni 4-7 giugno 2012

_______________

La meditazione

Lettore – Da «Deus caritas est» di Benedetto XVI, n. 38.
[Nel momento del dolore] non ci è dato di conoscere il motivo per cui Dio trattiene il suo braccio invece di intervenire. Del resto, Egli neppure ci impedisce di gridare, come Gesù in croce: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?» (Mt 27, 46).
Noi dovremmo rimanere con questa domanda di fronte al suo volto, in dialogo orante: «Fino a quando esiterai ancora, Signore, tu che sei santo e verace?» (Ap 6, 10). È sant’Agostino che dà a questa nostra sofferenza la risposta della fede: «Se tu lo comprendi, allora non è Dio».
La nostra protesta non vuole sfidare Dio, né insinuare la presenza in Lui di errore, debolezza o indifferenza. Per il credente non è possibile pensare che Egli sia impotente, oppure che «stia dormendo» (cfr 1 Re 18, 27). Piuttosto è vero che perfino il nostro gridare è, come sulla bocca di Gesù in croce, il modo estremo e più profondo per affermare la nostra fede nella sua sovrana potestà.
I cristiani infatti continuano a credere, malgrado tutte le incomprensioni e confusioni del mondo circostante, nella «bontà di Dio» e nel «suo amore per gli uomini» ( Tt 3, 4). Essi, pur immersi come gli altri uomini nella drammatica complessità delle vicende della storia, rimangono saldi nella certezza che Dio è Padre e ci ama, anche se il suo silenzio rimane incomprensibile per noi.
Parola della Chiesa.
Rendiamo grazie a Dio.

La preghiera

Guida
Come fiaccola ardente per chi giace nell’ombra, contempliamo la Vergine santa, che accese la luce divina e guida alla scienza di Dio, tutti, splendendo alle menti, e da ognuno è lodata col canto:

Tutti
Ave, o raggio di sole divino. * Ave, o fascio di luce perenne. * Ave, rischiari qual lampo le menti. * Ave, qual tuono i nemici spaventi. * Ave, per noi sei la fonte dei sacri Misteri. * Ave, Tu sei la sorgente dell’Acque abbondanti. * Ave, le macchie detergi dei nostri peccati. * Ave, o fonte che le anime mondi. * Ave, o coppa che versi letizia. * Ave, fragranza del crisma di Cristo. * Ave, Tu vita del sacro banchetto. Ave, Vergine e sposa!

Preghiamo
Signore Gesù, tu che hai detto: «Chi vuol essere mio discepolo prenda la sua croce ogni giorno e mi segua», insegnaci, guardando a Maria tua Madre, a seguire la tua Parola che salva e a testimoniarla per il mondo. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

O O Maria, le madri amano maggiormente quei figli per i quali hanno sofferto più stenti e dolori. Noi siamo quei figli per cui tu al fine di ottenerci la vita della grazia, hai sofferto il dolore di offrire alla morte la cara vita del tuo Gesù (S.Alfonso).
Condividi l'articolo