La Germania è in lutto, il vero nemico dell’uomo è l’uomo stesso

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

attentato berlino

Basta con la follia omicida del terrorismo.

Mentre dappertutto uomini e donne di buona volontà cercano di sfruttare la magica atmosfera del Natale per promuovere iniziative sociali mirate a risollevare le condizioni di quanti soffrono, la follia della violenza e del terrorismo ha insanguinato e ferito ancora la buona volontà di chi ancora spera in un miglioramento di vita. Sfilate di Babbi Natale, corse organizzate, mostre di presepi… serviranno alfine a ricacciare il male nella sua tana? Intanto si manifesta sempre più chiaramente che il vero nemico dell’uomo è l’uomo stesso. Chi lo salverà?

♦ A Madrid, più di diecimila sono stati i partecipanti alla corsa annuale dei Babbo Natale di Madrid in Spagna, la Santa’s Run a favore della sclerosi multipla. Adulti e bambini vestiti, rigorosamente, di rosso come Babbo Natale e di verde come i piccoli aiutanti, hanno corso per sei chilometri lungo la via Castellana nel centro della città. Organizzata dalla catena spagnola di abbigliamento El Corte Ingles, che devolverà tutto il ricavato alla società di ricera sulla Sclerosi multipla spagnola.
♦ Dappertutto sono in corso iniziative natalizie con scopi umanitari: mostre, presepi, cene ed eventi sporti…
♣ In Turchia, durante una mostra fotografica è stato assassinato l’ambasciature russo… In Germania un camion TIR si avventa furioso sula folla. I particolari ognuno li conosce dalle cronache che inondano la nostra quotidianità

E mentre la Germania è in lutto (e con essa il mondo) dopo l’attentato al mercatino di Natale di Berlino, è necessario dare ascolto ai profeti della pace e alzare a Dio preghiere incessanti.
  Papa Francesco ha espresso profonda commozione per l’evento delittuoso. In un telegramma inviato all’arcivescovo di Berlino, mons. Heiner Koch ha manifestato la propria partecipazione al lutto dei familiari delle vittime, esprimendo la propria compassione e assicurando la sua vicinanza al loro dolore.
Nella preghiera ha affidato i defunti alla misericordia di Dio, supplicandoLo anche per la guarigione dei feriti”. Il Santo Padre ha ringrazia, inoltre, i servizi di soccorso e di sicurezza per il loro impegno fattivo.
E poi Papa Francesco si unisce a tutti gli uomini di buona volontà che s’impegnano, affinché la follia omicida del terrorismo non trovi più spazio nel nostro mondo.
Il Papa, infine, ha implorato da Dio Padre misericordioso la consolazione, la protezione e la confortatrice benedizione.
  Solo Dio può salvare l’uomo da se stesso.

 

Sfilate di Babbi Natale, corse organizzate, mostre di presepi... serviranno alfine a ricacciare il male nella sua tana? Intanto si manifesta sempre più chiaramente che il vero nemico dell'uomo è l'uomo stesso. Chi lo salverà? Papa Francesco si unisce a tutti gli uomini di buona volontà che s’impegnano, affinché la follia omicida del terrorismo non trovi più spazio nel nostro mondo.
Sfilate di Babbi Natale, corse organizzate, mostre di presepi… serviranno a ricacciare il male nella sua tana? Intanto si manifesta sempre più chiaramente che il vero nemico dell’uomo è l’uomo stesso. Chi lo salverà? Papa Francesco si unisce a tutti gli uomini di buona volontà che s’impegnano, affinché la follia omicida del terrorismo non trovi più spazio nel nostro mondo. Solo Dio può salvare l’uomo da se stesso.

Condividi l'articolo