La politica familistica del governatore Oliverio

Ci auguriamo che le inchieste dell’Autorità Anticorruzione chiariscano al più presto

Profili politici gravissimi, perché suggerisce che al governo della Calabria ci sia di fatto Adriana Toman

Nicola Morra, Dalila Nesci, Laura Ferrari, Federica Dieni, Paolo Parentela - foto Libertino
Nicola Morra, Dalila Nesci, Laura Ferrari, Federica Dieni, Paolo Parentela – foto Libertino

«Ci auguriamo che le inchieste della Procura di Catanzaro e dell’Autorità nazionale Anticorruzione chiariscano al più presto fatti e responsabilità sulla recente assegnazione, da parte della Regione Calabria, dei fondi per il teatro». Lo affermano in una nota i parlamentari calabresi del Movimento 5 stelle, nazionali e dell’Ue. «La vicenda – proseguono i parlamentari – ha profili politici gravissimi, perché suggerisce che al governo della Calabria ci sia di fatto Adriana Toman, compagna del governatore della Regione, Mario Oliverio. La magistratura dovrà accertare il ruolo che la Toman e altri hanno svolto, in concreto, in merito alla destinazione di risorse pubbliche per oltre 600 mila euro da parte della Regione Calabria, finite proprio a teatranti in rapporto con la dama del presidente». «Oliverio – attaccano i parlamentari 5 stelle – non può giustificarsi con il silenzio, perché i calabresi hanno eletto lui, e non la Toman, alla guida della Regione. Il Consiglio regionale e il Partito democratico abbiano un moto di orgoglio e salvino la faccia. Non restino nel mutismo permanente tenuto in questi anni, alimentato da nomine strategiche con cui il governatore Oliverio ha spento ogni volta il dissenso nella sua maggioranza e nei cortili vicini». «Alla Calabria – concludono i parlamentari 5 stelle – non resta che tornare a nuove elezioni. La politica familistica di Oliverio è ormai evidente quanto l’immobilismo del governatore, da tempo vittima di un’ipnosi politica insanabile, privo di lucidità e di equilibrio e dunque inadatto a reggere le sorti di una Regione in affanno e ritardo senza precedenti. Se Renzi vuole politicamente suicidarsi con Oliverio, faccia pure. Almeno i calabresi potranno ringraziarlo per un’azione degna di rilievo».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.