La ricca signora e la cipolla

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Cipolla rossa di Tropea
Cipolla rossa di Tropea

La ricca signora e la cipolla.

Fino a dove può arrivare l’egoismo e la chiusura del cuore? Le storie di ogni giorno forniacono una varietà di risposte. Ma il bene non si inventa di istinto… Occorre essere “allenati” al bene, anche se piccolo, per essere pronti nel momento che conta. Allora: riempiamo le nostre mani del bene quotidiano che possiamo fare e ricordiamo che ci salveremo insieme, o non ci salveremo affatto. 

Lo scrittore russo Dostoevskj racconta la storia di una signora ricca ma molto avara che, appena morta, si trovò davanti un diavolaccio che la gettò nel mare di fuoco dell’inferno.
Il suo angelo custode cominciò disperatamente a pensare se per caso non esisteva qualche motivo che poteva salvarla. Finalmente si ricordò di un lontano avvenimento e disse a Dio: «Una volta la signora regalò una cipolla del suo orto a un povero».
Dio sorrise all’angelo: «Bene. Grazie a quella cipolla si potrà salvare. Prendi la cipolla e sporgiti sul mare di fuoco in modo che la signora possa afferrarla, poi tirala su. Se la tua signora rimarrà saldamente attaccata alla sua unica opera buona potrà essere tirata fino in paradiso».
L’angelo si sporse più che poté sul mare di fuoco e gridò alla donna: «Presto, attaccati alla cipolla».
Così fece la signora e subito cominciò a salire verso il cielo. Ma uno dei condannati si afferrò all’orlo del suo abito e fu sollevato in alto con lei; un altro peccatore si attaccò al piede del primo e salì anche lui. Presto si formò una lunga coda di persone che salivano verso il paradiso attaccate alla signora aggrappata alla cipolla tenuta dall’angelo.
I diavoli era preoccupatissimi, perché l’inferno si stava praticamente svuotando, incollato alla cipolla.
La lunghissima fila arrivò fino ai cancelli del paradiso. La signora però era proprio un’avaraccia incorreggibile e, in quel momento, si accorse della fila di peccatori attaccati al suo abito e strillò irritata: «La cipolla è mia! Solo mia! Lasciatemi…». In quel preciso istante la cipolla si sbriciolò e la donna, con tutto il suo seguito, precipitò nel mare di fuoco.
Sconsolato, davanti ai cancelli del paradiso, rimase solo l’angelo custode.
(fonte: Bruno Ferrero – Cerchi nell’acqua – piccole storie dell’anima –  ed. Elledici).

♥♥♥ Riempiamo le nostre mani del bene quotidiano che possiamo fare e ricordiamo che ci salveremo insieme, o non ci salveremo affatto.

191b-cipolla
Salvare gli altri è salvare se stessi. Lasciare egoisticamente gli altri nel bisogno è privare se stessi di quella grande possibilità che abbiamo nelle mani: FARE IL BENE.
Condividi l'articolo