La rivolta della virgola

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio
134xa-virgola

La rivolta della virgola.

Piccola storia o favola, molto carina, ma che dà preziosi insegnamenti. La virgola è uno dei segni di interpunzione. Essa appare graficamente come un punto fermo allungato verso la direzione in basso a sinistra. Essendo il più breve segno di pausa, essa corrisponde nella lettura ad un minutissimo intervallo della voce. – Questa piccola storia insegna come anche un piccolo segno possa far cambiare il significato della comunicazione. Così pure un piccolo, ma importante, particolare trascurato può alterare le relazioni reciproche. 

♦ C’era una volta una virgola seccata dalla poca considerazione in cui tutti la tenevano. Perfino i bambini delle elementari si facevano beffe di lei.
Che cos’è una virgola, dopo tutto? Nei compiti scolastici difficilmente compare e persino sui giornali nessuno la usa più. La buttano, a casaccio.
♦ Un giorno la virgola si ribellò.
Il Presidente di uno Stato, dopo un lungo colloquio con il Presidente nemico, scrisse un breve appunto: “Pace, impossibile lanciare i missili” e lo passò frettolosamente al Generale.
In quel momento la piccola, trascurata virgola mise in atto il suo piano e si spostò. Si spostò solo di una parola, appena un saltino.
♦ Quello che lesse il Generale fu: “Pace impossibile, lanciare i missili”.
E scoppiò la Guerra Mondiale.

Nelle relazioni reciproche occorre dare importanza ai particolari. Molte volte non ci si rende abbastanza conto di quanto un piccolo particolare possa essere importante e determinante per la nostra vita e per le nostre relazioni: sorgono liti e allontanamenti o divisioni per una parola pronunciata a caso o per leggerezza; per uno sguardo curioso e indagatore o un sorriso ironico… E’ bene fare attenzione alle piccole cose: queste sono il seme di quelle grandi e significative. Insomma, il peccato “veniale£ apre la porta a quello “mortale”.

(fonte: Bruno Ferrero, Il segreto dei pesci rossi. Torino, Elledici – 2000).

Questa piccola storia insegna come anche un piccolo segno possa far cambiare il significato della comunicazione. Così pure un piccolo, ma importante, particolare trascurato può alterare le relazioni reciproche.
Questa piccola storia insegna come anche un piccolo segno possa far cambiare il significato della comunicazione. Così pure un piccolo, ma importante, particolare trascurato può alterare le relazioni reciproche.
Condividi l'articolo