La serva di Dio Irma Srugli

Terminata l’inchiesta diocesana sulla vita, le virtù eroiche e la fama di santità della Serva di Dio

Il plico contenente gli atti, debitamente sigillato, sarà inviato alla Congregazione delle Cause dei Santi a Roma

Alcune fasi del processo

Lunedì 4 settembre 2017 si è conclusa nella Chiesa Concattedrale di Tropea la sessione di chiusura dell’inchiesta diocesana sulla vita, le virtù eroiche e la fama di santità della Serva di Dio Irma Scrugli, nata a Tropea il 4 settembre 1907 e spentasi il 22 settembre 1994, oblata e sorella maggiore dell’Istituto secolare delle oblate del Sacro Cuore, fondato dal venerabile don Francesco Mottola.
L’inchiesta diocesana si era aperta con la prima sessione pubblica, alla presenza di numerosi fedeli e autorità civili e militari, lunedì 22 dicembre 2014, con l’insediamento del tribunale ecclesiastico, debitamente nominato dal Vescovo Mons. Luigi Renzo e composto dal rev.do Sac. D. Francesco Sicari, Giudice delegato, il rev.do Sac. Mons. Saverio Di Bella, Promotore di giustizia e il sig. Francesco Reda, Notaio. Il Vescovo aveva altresì nominatore postulatore per la causa di beatificazione della Serva di Dio Irma Scrugli, il rev.do Sac. D. Enzo Gabrieli.
L’inchiesta terminata il 4 settembre e ufficialmente chiusa. Il plico contenente gli atti, debitamente sigillato, sarà inviato alla Congregazione delle Cause dei Santi a Roma.

Il video in HD

la diretta steaming della cerimonia

Istituto Secolare delle Oblate del Sacro Cuore rendono grazie al Signore e annunciano con gioia, nel CX anno della sua nascita, la solenne chiusura della fase diocesana dell'inchiesta di Canonizzazione della Serva di Dio Irma Scrugli

Pubblicato da Tropeaedintorni su Lunedì 4 settembre 2017

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino
Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.