Piazza Vittorio Veneto e la storia della cipolla rossa

Un libro fa riemergere dal passato le memorie di una Tropea che non c’è più

PiazzaVittorioVenetoAnni50La treccia rossa. Storia della cipolla di Tropea il libro di Pino Vita, pubblicato di recente dall’editore Pellegrini nella collana “Voci” diretta dall’antropologo prof Luigi Lombardi Satriani, oltre a ricostruire i particolari sistemi usati dai contadini di Parghelia e Tropea nelle prime coltivazioni della cipolla rossa, ne delinea il percorso commerciale, che dagli inizi dell’Ottocento ha portato questo prodotto dal porto cittadino agli scali del Mediterraneo e, a metà del Novecento, negli Stati Uniti d’America ed in alcune nazioni europee.

Piazza Vittorio Veneto era il luogo del
raduno mattutino dei commercianti
e dei numerosi addetti a quel lavoro

Di recente, anche per l’impegno del “Consorzio di tutela dei Produttori” e dei vari Sindaci di Tropea che si sono succeduti al comune a partire dal 1970 (la prima riunione fu tenuta da Carratelli) questa varietà di cipolla è stata inserita nell’elenco Europeo dei prodotti a indicazione geografica protetta, con la nuova denominazione di “Cipolla rossa di Tropea IGP Calabria”.
Il libro ricostruisce l’ambiente in cui negli anni che precedono e seguono l’ultima guerra si è svolto il commercio della cipolla che, per la sua rilevanza, diede un grande impulso all’economia dell’intero circondario di Tropea.

La stazione ferroviaria, allora molto attiva per il movimento dei treni tanto da disporre di un ristorante e di un annesso albergo, con una Cooperativa organizzata (carovana) per il carico dei vagoni; la piazza Vittorio Veneto (nella foto) dove aveva sede la vecchia Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania, unica banca operante in quel periodo a Tropea, luogo del raduno mattutino dei commercianti e dei numerosi addetti a quel lavoro; l’elenco dei nomi dei vari commercianti impegnati in un commercio che guardava a New York e Stoccolma, diventano nel libro i protagonisti di una vicenda che non può essere dimenticata e che “Tropea e Dintorni” riproporrà negli aspetti più specifici. Le trecce di cipolla rossa, ora esposte in bella mostra nei negozi di Tropea con il marchio dell’Isola, sono diventate con il mare e la bellezza del territorio il simbolo della Calabria produttiva.

 

Sommario

Presentazione
Il 12 agosto presentazione del il libro del concittadino Pino Vita
(di A. Sambiase)

Riassunto
“La treccia rossa”, la storia della cipolla di Tropea
(di S. Libertino)

Tematiche
1. Piazza Vittorio Veneto e la storia della cipolla rossa

2. Storia del commercio della cipolla rossa

3. L’esportazione della cipolla negli U.S. e la cesta di Bagnara

4. Cipolla tra storia e leggende: da dove è arrivato il seme?

5. L’esportazione della cipolla di Tropea nel dopoguerra (1945/1970)

Condividi l'articolo